Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 24 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:477 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1223 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:1960 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1491 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1470 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1438 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1712 Crotone

Manfredonia - La notte del museo

Un museo visitato nelle ore diurne offre suggestioni straordinarie. Figuriamoci quale fascino arcano possono creare le mostre che espone se sono percorse di notte. Se poi ai reperti museali si aggiunge la malia ambientale, l’atmosfera della fortezza antica, la visita diventa un viaggio senza eguali, costellato di enigmi misteriosi.

Una opportunità per saggiare l’effetto che fa una tale circostanza, il Museo nazionale archeologico di Manfredonia la offre nella notte che va da sabato 19 a domenica 20 maggio prossimo. E tutto questo gratuitamente.

Il Museo di Manfredonia che come noto è allocato nella vetusta fortezza imperiale sveva-angioina, aprirà le sue sale espositive dalle ore 20 alle ore due (l’ingresso di visitatori sarà consentito sino alle ore una).

L’iniziativa del museo aperto di notte fa parte del progetto realizzato dal Ministero per i beni e le attività culturali per offrire ad un più ampio numero di visitatori di conoscere il patrimonio culturale del nostro Paese, nel caso del Museo di Manfredonia quello straordinario per la singolarità dei reperti conservati, della storia di questa terra abitata a cominciare da alcuni millenni prima di Cristo. Un racconto incantevole avvincente scandito dalle stupefacenti immagini delle stele daunie, graffite, è la tesi degli studiosi, dagli abitanti di Troia superstiti di quella città espugnata dai greci e riparati su queste sponde. Ma non solo. Di grande attrazione sono le mostre sui reperti seducenti ritrovati nel corso degli scavi archeologici condotti nell’area dell’antica Siponto da cui Manfredonia deriva.

Insomma un viaggio a ritroso nel tempo fra storia e arte e architettura bellica. Nel percorso di visita saranno inclusi alcuni percorsi del castello visibili solo in occasioni speciali come appunto quello della note del 19 prossimo. Sarà ad esempio percorribile il cunicolo sotterraneo che collega la fortezza angioina con l’esterno. Un tratto di quella che era una articolata rete di cunicoli sotterranei che collegavano i vari torrioni che si intervallavano nelle mura di cinta della città. Recentemente sono stati rinvenuti alcuni tratti che si diramano dai Torrioni acquisti dal Comune.

Sarà inoltre visitabile quella che nel contesto della fortezza era la Torre cisterna, ovvero il serbatoio per la riserva di acqua divenuta in seguito cella carceraria come attestano alcune tracce di iscrizioni seicentesche lasciate dai detenuti. Alle 22 è prevista una visita guidata gratuita a cura del funzionario responsabile in sede.

Il Castello e dunque il Museo, si trova sulle rive del golfo, prospiciente la spiaggia Diomede e il molo di levante impostato dallo stesso re Manfredi. Dall’abitato lo si incontra alla fine di Corso Manfredi, l’arteria principale di Manfredonia intitolata appunto al suo fondatore.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI