Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 03 Dicembre 2021

Manfredonia - Approvato il Progetto ‘Capitanata Solidale’ 2011-2013

Anche per il triennio 2011/2013 il Comune di Manfredonia, attraverso l’impegno dell’Assessorato alle Politiche Sociali, ha presentato il Progetto ‘Capitanata Solidale’, finalizzato all’accoglienza e all’integrazione di venti tra richiedenti asilo e rifugiati politici, nell’ambito del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (Sprar) del Ministero dell’Interno e dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci). Lo Sprar è costituito dalla rete degli enti locali che, per la realizzazione dei progetti, accedono al Fondo Nazionale per le politiche e i servizi dell’Asilo.

Il Progetto ‘Capitanata Solidale’ è attivo dal 2004 e prevede, per un periodo massimo di un anno, l’accoglienza in abitazioni, l’accompagnamento ai servizi socio-sanitari della città di Manfredonia e percorsi di integrazione socio-economica, con corsi di formazione e di lingua italiana che possano fornire al rifugiato strumenti per un percorso di vita autonomo e indipendente.

La maggior parte dei richiedenti asilo proviene dal Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo e Rifugiati (Cara) di Borgo Mezzanone, dove il Progetto ‘Capitanata Solidale eroga servizi di orientamento legale, assistenza al rimpatrio, sostegno socio-psicologico, alfabetizzazione alla lingua italiana e animazione sociale.

Dal 2004 a oggi, su Manfredonia, sono state effettuate 98 accoglienze integrate di persone provenienti da Somalia, Eritrea, Costa d’Avorio, Mali, Togo, Sudan, Nigeria, Burkina Faso, Turchia, Iraq, Afghanistan, Ciad, Libano.

In questi anni il programma di accoglienza in favore di richiedenti asilo, rifugiati politici e beneficiari di protezione umanitaria -spiega l’assessore alla Solidarietà del Comune di Manfredonia, Paolo Cascavilla–, finanziato dal Ministero dell’Interno con la compartecipazione del Comune, ha sortito risultati positivi per diversi aspetti. Innanzitutto perché abbiamo permesso ai beneficiari di avere accesso a una rete di servizi fondamentali per l’inserimento sociale, lavorativo e per l’integrazione; abbiamo potuto constatare, inoltre, una grande apertura da parte dei cittadini verso gli stranieri. Elemento, questo, molto importante se pensiamo all’incremento della

popolazione straniera residente al 2010. La programmazione triennale, poi, permetterà a chi lavora per il Progetto di migliorare i servizi, di costruire un percorso più organico ed elaborato, in un’ottica di lungo periodo, avvalendosi anche della collaborazione di altre istituzioni, come le scuole, le parrocchie e le associazioni di volontariato”.

Anche per il prossimo triennio infatti, il Progetto ‘Capitanata Solidale’ si avvale della collaborazione di diversi partner, tra cui la Regione Puglia, la Provincia di Foggia, la Prefettura, la Questura, l’Università degli Studi di Foggia, l’Asl FG, il Centro Servizi per il Volontariato di Capitanata (Ce.Se.Vo.Ca.) ed enti benefici che coadiuveranno l’ente gestore del progetto, la cooperativa sociale ‘Iris’ e i suoi operatori a migliorare la qualità dei servizi.

Una politica che guarda a un futuro migliore per tutti, nell’ottica di un’integrazione possibile e auspicabile di una solidarietà che, ormai da anni, a Manfredonia è diventata realtà.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI