Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 27 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:554 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1273 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2010 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1541 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1518 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1486 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1763 Crotone

Manfredonia - Trivellazioni alle Tremiti, un disastro ecologico annunciato

Il ministro Stefania Prestigiacomo, contrariamente a quanto assicurato in passato, ha dato via libera alla ricerca di petrolio nel mare al largo delle Isole Tremiti.

La multinazionale irlandese ‘Petroceltic Elsa’, dunque, inizierà a trivellare il fondale dell’Adriatico: non in un posto qualunque, bensì in un’area naturale protetta, con un’operazione che annullerà la biodiversità dell’intero sistema marino e delle coste.

Un’ipoteca sul futuro del nostro territorio, le cui vocazioni vanno nettamente in senso contrario, verso il turismo e le fonti rinnovabili.

Un disastro ecologico annunciato, a cui ci opporremo con tutte le forze.

Il nostro mare è già scrigno prezioso di risorse da tutelare e proteggere, un paradiso che in molti ci invidiano, e che il Governo è disposto a violare con piattaforme petrolifere, per un profitto del tutto discutibile: a giudizio di esperti, infatti, i giacimenti eventualmente posti sotto il nostro mare non sono tanto ingenti da influire sull’indipendenza energetica del Paese.

Nessun vantaggio economico, quindi, a fronte di un enorme danno al territorio e all’ambiente.

Bitume e catrame a fronte di acque limpide e cristalline e scogliere di incredibile bellezza, preziose per la varietà e la rarità di flora e fauna marine.

Non siamo disposti a subire una decisione imposta dall’alto, che brucia sulla pelle nostra e della nostra terra, tra l’altro presa senza nemmeno consultarci.

E che procede in netta controtendenza non solo rispetto alle scelte della Puglia, che sta puntando sul turismo di qualità, sull’agroalimentare e sullo sviluppo e la tutela delle aree protette, ma anche dell’Europa, impegnata nelle energie rinnovabili con la formula ‘20 20 20’, per ridurre del 20% le emissioni di gas a effetto serra, con il ricorso alle fonti rinnovabili e al risparmio energetico.

Invece il Governo italiano dice no a questo mercato giovane e in grado di creare migliaia di nuovi posti di lavoro.

E alla economia verde risponde con il nero-petrolio.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI