Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 23 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:465 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1217 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:1954 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1485 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1464 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1431 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1704 Crotone

Giornata FAI di Primavera a Manfredonia

Fu Pietro Galgano, canonico di Siponto e Manfredonia, a volere nel 1350 la costruzione di quella che diverrà la sede del monastero dei Padri Celestini, al posto della sua casa in prossimità di Porta Pugliese, detto “dello Spuntone”. Sul finire del XIII secolo Carlo II d’Angiò, fratello di Luigi IX di Francia, donò ai domenicani la chiesa dedicata a Santa Maria Maddalena e il convento reale, sovvenzionando l’edificazione con un fiorino d’oro la settimana. Ed ancora: la Cappella della Maddalena venne riportata alla luce nel 1895, durante lo scavo di un’aiuola eseguito dal custode delle carceri che occupavano alcuni locali del Municipio.

Brevi cenni di storia che riguardano la nostra città, ma quanti manfredoniani lo sapevano? Quanti hanno conoscenza delle splendide testimonianze storiche site in loco, che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni ed a cui non badiamo con la necessaria attenzione? Potrebbe essere il caso di approfittare del prossimo fine settimana per imparare a conoscere meglio la città in cui si vive, perché è vero che si protegge ciò che si ama e si ama ciò che si conosce, perché la storia appartiene a tutti anche se non vissuta personalmente e sta a tutti farla propria.

Nel prossimo weekend, infatti, si svolgerà la XVIII Edizione della Giornata FAI di Primavera, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio della Commissione Europea, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Settemila volontari coinvolti a cui vanno aggiunti ventunomila apprendisti Ciceroni per consentire l’apertura al pubblico, il 23 e 24 marzo 2013, di settecento beni in circa trecento località della nostra Penisola. Dalla Cà Corner della Regina di Venezia ai Giardini Giuseppe Manno di Alghero, dalla Torre di Sant’Anselmo in Valle d’Aosta al castello di Acicastello, ed ancora luoghi di culto, siti archeologici, archivi e biblioteche: tipologie di beni differenti tra loro, luoghi spesso inaccessibili e per l’occasione eccezionalmente a disposizione del pubblico.

Il Comune di Manfredonia ha aderito all’iniziativa e, grazie al lavoro di perfetta sinergia tra l’Assessorato alla Cultura e quello alla Pubblica Istruzione, saranno messi a disposizione di tutti due luoghi significativi come Palazzo San Domenico con annessa Cappella della Maddalena e Palazzo dei Celestini. Dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 sino alle 21.30 ci si potrà lasciar trasportare dall’arte e dalla bellezza, dalla sete di sapere e dalla sensibilità, visitando scenari che tanti ignorano fintanto che non li si conosce da vicino e, magari, se ne resta affascinati e sorpresi. Vale ovviamente la pena visitare parimenti il terzo luogo della Giornata FAI nella nostra Manfredonia: il sempre suggestivo Castello Svevo Angioino.

Due giornate dedicate alla riscoperta dei beni più preziosi che possediamo, ma anche un fine settimana che innesca un percorso positivo, virtuoso, i cui attori saranno anche coloro che rappresentano il futuro del nostro Paese: i giovani. I Ciceroni sopra menzionati sono infatti gli studenti (al Castello dell’Istituto Tecnico Commerciale “G. Toniolo”, a Palazzo San Domenico ed a Palazzo dei Celestini quelli del Liceo Classico “A. Moro” e del Liceo Scientifico “G. Galilei”) che, dopo essersi preparati con l’aiuto dei loro insegnanti e dei delegati FAI, illustreranno ai visitatori gli aspetti storici ed artistici dei beni aperti accompagnandoli e offrendo loro le informazioni del caso. Informazioni che potranno, altresì, essere ascoltate comodamente avvalendosi delle audioguide che l’Associazione “BellBell” distribuirà ai richiedenti.

Sarà, più in generale, un vero e proprio spettacolo dedicato a coloro che hanno a cuore il patrimonio storico, artistico e naturale del nostro Paese. La Giornata FAI di Primavera è sinonimo diretto di apertura a tutti, perciò qui a Manfredonia parteciperanno anche i rifugiati del progetto SPRAR “Capitanata Solidale” che, superata la fase di accoglienza, sono diventati ormai parte integrante e integrata della città. Per loro sarà un viaggio nei luoghi che hanno scelto come nuovo punto di partenza per le proprie famiglie e per i bambini.

L’anno scorso aderirono alla manifestazione più di 5.000.000 di italiani. Vale davvero la pena ritagliarsi qualche momento del proprio tempo libero e farsi una passeggiata, magari con la propria famiglia, perché come dicono dal FAI saranno “due giorni per scoprire l'Italia e trecentosessantacinque per amarla”.

Si ricorda che non è necessario pagare alcun biglietto, se lo si desidera si potrà comunque lasciare un contributo libero. Per conoscere tutti i luoghi FAI aperti il 23 e 24 marzo 2013 e gli eventi collaterali basterà recarsi sul sito ufficiale della Giornata FAI, al seguente link: www.giornatafai.it

Allora? Cosa si è scelto? Il Castello o Palazzo dei Celestini? Oppure Palazzo San Domenico e la Cappella della Maddalena? Questa volta sarebbe, forse, meglio scegliere di non scegliere e visitare tutti e tre i luoghi aperti sabato e domenica prossima. E’ proprio il caso di dire: approfittatene… e non ve ne pentirete!

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI