Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 07 Dicembre 2019

Manfredonia - 'E figlie so' figlie e so' tutt'eguale!

La Compagnia Teatro Stabile Città di Manfredonia, diretta da Dina Valente, porterà presto in scena il capolavoro di Eduardo de Filippo, “Filumena Marturano”. Nel ruolo dei due protagonisti principali vedremo proprio Dina Valente affiancata da Filippo Totaro, Antonio Renegaldo, Annarita Castigliego, Tonino Pesante, Pino Biondi, Alessandro Francavilla, Daniele Guida, Angelica Murgo, Franco Armillotta.

La scelta è ricaduta su una commedia a cui Dina Valente è particolarmente legata, quella che può essere considerata “una commedia difficile, ricca di sfumature e semi-toni, che la nostra Compagnia - ci spiega la direttrice di scena, Francesca Brancati - sta cercando di personalizzare. Non dimentichiamo che questa commedia ha visto cimentarsi nel tempo fior di attori (Sofia Loren, Mastroianni, lo stesso Eduardo con sua sorella Titina e l’immensa Regina Bianchi) ed anche il personaggio che interpreterò, Rosalia Solimene, è stato messo in scena dall’inimitabile Nina de Padova”.

“Filumena Marturano” è un’opera teatrale di Eduardo De Filippo, in tre atti, che vede per la prima volta nel suo teatro la donna come protagonista assoluta. Rappresenta un dramma complesso in cui il senso della realtà, l’ostinazione e la perseveranza, caratteristiche fino ad allora legate esclusivamente all’universo maschile, portano alla ribalta un dibattito sociale che coinvolge l’intera istituzione della famiglia.

Francesca Brancati è con la Compagnia dal febbraio 2005 “e di ciò non posso che ringraziare Dina Valente per l’opportunità che mi ha concesso nel lavorare con lei da quando avevo 19 anni”, ma le radici delle sue inclinazioni artistiche risalgono a ben prima perché, come ci svela, “sono praticamente nata e cresciuta con il sottofondo del teatro di Eduardo. Ho ereditato da mio padre, napoletano, questa passione. In qualità di direttrice di scena ed essendo l’unica napoletana della Compagnia ho curato anche il dialetto, con l’impagabile impegno profuso da parte di tutto il cast che già in passato ho supportato mettendo in scena altre commedie in vernacolo”.

La trama, che in tanti conoscono anche per le trasposizioni televisive della commedia, è questa:
Filumena, ex prostituta, vive da venticinque anni con Domenico Soriano, facendogli da serva, soddisfacendolo come se fosse un marito, ma senza esserne la moglie. Questo diritto Filumena decide di prenderselo con l’inganno e l’astuzia ed è sull’ira di Domenico, appena scoperta la verità, che si apre il sipario. Domenico è furioso in quanto costretto a sposare Filumena che si era finta in punto di morte, ma la donna poi rivela la ragione del suo gesto: dare un cognome ai suoi tre figli di cui ha sempre taciuto l’esistenza, confessandogli anche che uno dei tre è suo figlio, senza però rivelargli quale, per non danneggiare gli altri. Inizia così la lenta trasformazione di Domenico alla vana ricerca dell’identità di suo figlio. Alla fine i tre figli si chiameranno Soriano, avranno gli stessi diritti e lo stesso amore. La commedia di Eduardo riportava il problema dei diritti dei figli illegittimi contemporaneamente al dibattito che si svolgeva in Italia sulla famiglia e sui figli nati fuori dal matrimonio.

C’è evidente passione e lucida determinazione in tutti coloro che prenderanno parte allo spettacolo, a vario titolo. La Brancati confessa che “Non è la mia prima volta, ho fatto altri spettacoli, ma “Filumena Marturano” è senza dubbio quello più impegnativo messo in scena fino ad ora. Andremo in scena dopo soli tre mesi di prove, cosa che destabilizzerebbe anche un attore professionista”.

La Compagnia Teatro Stabile Città di Manfredonia ha saputo capitalizzare la situazione contingente e si intende chiaramente quando la direttrice di scena, proponendosi con il migliore spirito possibile, aggiunge che “in questa sfida, perché come tale l’abbiamo intesa e considerata, ci siamo lanciati con entusiasmo ed amore per il teatro, senza se e senza ma”.

“Il mio personaggio, Rosalia Solimene, l’avevo già interpretato – aggiunge la Brancati - sebbene solo in uno spezzone, durante lo spettacolo messo in scena dalla stessa Compagnia nella primavera del 2008, e lo ritengo abbastanza impegnativo. E’ la spalla di Filumena, che per lei rappresenta la figlia che non ha mai potuto avere accanto visto che i suoi tre figli maschi sono emigrati all’estero per lavoro e da allora lei non ne ha più avuto notizia. Rappresenta non solo la sicurezza economica per la vita, ma anche la rassicurazione che al momento della sua morte avrà vicina una persona che lei ha amato e di cui si è presa cura da bambina. Grata e devota in qualsiasi circostanza, Rosalia non le nega mai il suo appoggio”.

Che cosa si aspetta Francesca, e con lei la Compagnia Teatro Stabile Città di Manfredonia, dalle quattro serate del 4, 5, 6 e 7 dicembre, che ormai si avvicinano? “Speriamo di riuscire a strapparvi un sorriso e mi auguro che anche questa volta, come è sempre avvenuto sin qui, il nostro affezionatissimo pubblico gradisca e apprezzi il lavoro svolto. Mi aspetto, inoltre, che la gente che vorrà venire a vederci ci riscaldi con il suo entusiasmo condividendo con tutti noi la passione per l’arte e la cultura. Questo paese ne ha bisogno”. E come non essere d’accordo con la sua considerazione finale?

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI