Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 17 Gennaio 2021

Manfredonia - Quattro progetti per il “Piano Città”

E' partito il “Piano Città”, dedicato alla riqualificazione delle aree urbane di tutto il territorio nazionale e proposto dal Governo nel Piano Sviluppo, con una dotazione di circa due miliardi di fondi pubblici. Un programma articolato e complesso che si nutrirà di interventi, incentivi, risorse nazionali ed europee per mettere insieme interventi diffusi, snellire le procedure e coinvolgere gli investitori privati. Ingrediente fondamentale è la semplificazione delle procedure, soprattutto quelle urbanistiche, che hanno bisogno dell'appoggio dei Comuni e devono portare alla valorizzazione di aree che i privati possano conferire ai singoli progetti cittadini. Non per nulla, come ammesso dal viceministro alle Infrastrutture, Mario Ciaccia, l'ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) è “parte fondamentale di questa operazione ed ha promesso una rapida individuazione delle aree urbane candidabili a questo piano perché la nostra esigenza è di partire subito con un piano operativo, non con studi o norme di legge astratte”. Il Comune di Manfredonia ha presentato il frutto degli studi tecnici e progettuali svolti in queste settimane e la cui scadenza era fissata al 5 ottobre 2012: ben cinque proposte che l'ANCI classificherà per presentarle al Ministero per le Infrastrutture dove saranno vagliate da una “cabina di regia”. Nel dettaglio si tratta di: - recupero, consolidamento e rifunzionalizzazione fabbriche ex Convento di San Francesco;- rifunzionalizzazione struttura ex Istituto Nautico “G. Rotundi”;- riqualificazione Piazza Europa;- adeguamento impianto fognario comparti e impianto idrico. “La proposta di valorizzazione che la Città di Manfredonia presenta - sottolinea l'Assessore alla Pianificazione Urbanistica e Assetto del Territorio, Matteo Palumbo – ha come obiettivo fondamentale quello di effettuare una serie di interventi per eliminare il degrado di alcune aree urbane, per valorizzare e rendere fruibili edifici di proprietà del Comune, meritevoli di recupero, per la piena fruibilità a favore della collettività. Migliorare la dotazione infrastrutturale e la qualità urbana non potrà che avere ricadute notevolissime sul tessuto sociale ed ambientale”. Il maggiore apporto economico da parte del pubblico arriva dal Fondo investimenti per l’Abitare (Fia) della Cdp, con una dotazione di 1,6 miliardi, poi ci sono 224 milioni recuperati “pettinando” il ministero delle Infrastrutture ed altri 100 collegati a efficientamento energetico e riqualificazione delle scuole, le restanti risorse arrivano da Demanio e Fondi europei previsti dal Fas. A valutare i piani sarà la Cabina di cui fanno parte Ministeri, Regioni, Comuni, Cassa depositi e prestiti, Fia e Demanio. Attenzione particolare sarà prestata ai progetti che creano nuova occupazione. Il programma é aperto a tutte le città che presentano i propri progetti. “Possediamo i presupposti per potere rientrare nei finanziamenti e ci auguriamo che venga riconosciuta la bontà del lavoro messo in campo- afferma il Sindaco Riccardi - in periodi storici ardui per i Comuni, lasciati praticamente soli nel portare avanti cantieri impegnativi. Potrebbe essere questo un volano di investimenti che avranno una ricaduta, diretta o indiretta, tanto sullo sviluppo quanto sul lavoro. Un piano che abbiamo volutamente reso flessibile per aumentare le possibilità di contribuzione. Restando con i piedi a terra e tenendo conto di quanti Comuni si sono industriati per sfruttare al meglio l'occasione concessa dal Governo non ci aspettiamo grandi finanziamenti, ma anche risorse economiche più limitate ci potrebbero permettere di portare a termine alcuni progetti che diverrebbero davvero significativi per la nostra città”. 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI