Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 29 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:1083 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1574 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1094 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1798 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2558 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:2059 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:2050 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:2004 Crotone

Manfredonia - Marineria sipontina: acque agitate nel Golfo

Continua l’agitazione nel mondo della pesca sipontina, che ieri mattina si è raccolto attorno alla Prefettura di Foggia per un composto sit in di protesta contro la mancata autorizzazione alla cattura del bianchetto.

Tra i pescatori, i presidenti delle cooperative di pesca e le rappresentanze sindacali, anche il sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi e l’assessore alle Attività Produttive Antonio Angelillis, da sempre al fianco degli operatori del settore.

Il prefetto Antonio Nunziante ha ricevuto la delegazione, ascoltandone con attenzione le rimostranze per un divieto che mette a repentaglio il mestiere stesso del pescatore, tagliando un ramo vitale per poter andare avanti.

I presidenti delle cooperative prima, e il sindaco Riccardi poi, hanno illustrato con dovizia la situazione di grave crisi in cui versa un’importante fetta produttiva della città, ulteriormente affaticata dall’impossibilità di praticare un tipo di pesca che, nei mesi invernali, permetteva in precedenza a ben 170 pescherecci di sbarcare il lunario.

170 barche ferme per tre mesi sono già un danno immenso, a cui si aggiunge l’assenza non solo di qualsiasi forma di ammortizzazione sociale, ma anche della speranza di praticare la pesca del bianchetto con altri attrezzi, consentiti dallo stesso Regolamento ‘Mediterraneo’. Una situazione insostenibile –spiega il primo cittadino di Manfredonia-, per questo abbiamo chiesto di incontrare personalmente il ministro Galan, per mettere sul tavolo la situazione effettiva della pesca a Manfredonia, che non può permettersi una simile perdita. La tensione è molto alta, e la preoccupazione è che si giunga ad atti inconsulti”.

Il Prefetto di Foggia, in sinergia con l’assessore regionale Dario Stefàno, si è impegnato a ottenere l’incontro richiesto con il ministro per la giornata di mercoledì 3 marzo 2011: obiettivo fondamentale è non perdere la continuità delle pesche speciali tramite l’autorizzazione a forme sperimentali di cattura.

 Oggi, intanto, un tavolo regionale sta valutando le misure necessarie per combattere la mancanza di reddito.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI