Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 21 Gennaio 2021

Manfredonia - Prende il largo la tartaruga satellitare

Dagli anni '80 il WWF Italia è impegnato nella salvaguardia delle tartarughe marine, attraverso lo studio, la cura nei Centri di recupero e la difesa dei nidi. Proprio in quel periodo fu avviato, in collaborazione con l’Università ‘La Sapienza’ di Roma, il primo programma nazionale su queste specie. Questa attività ha consentito lo sviluppo di molteplici altre attività a livello locale, con la promozione da semplici azioni di monitoraggio a complessi interventi e progetti di assistenza diretta su esemplari in difficoltà o recuperati dai pescatori. Grazie a queste iniziative è stata prodotta una notevole quantità di informazioni che ha contribuito a far luce sulla biologia e sui problemi di queste specie nel Mediterraneo. Inoltre, le varie attività svolte accrescono, direttamente o indirettamente, la sensibilizzazione di un gran numero di persone appartenenti a varie categorie potenzialmente in contatto con le tartarughe marine.

Saranno cinque gli esemplari di tartaruga marina, rinvenuti nel Golfo di Manfredonia, della specie Caretta caretta a cui sarà applicata una speciale trasmittente satellitare.

Grazie a questa operazione, svolta in collaborazione tra WWF Italia, “Centro Cultura del Mare” A.P.S., la categoria dei pescatori, Lega Navale di Manfredonia, Comune di Manfredonia e Capitaneria di Porto, nell’ambito delle iniziative della “Turtle Summer 2012”, sarà possibile seguirne le rotte in mare individuando le aree più frequentate, che meritano quindi una particolare attenzione per la conservazione di questi animali e aiuterà a capire meglio la biologia e lo status di conservazione attuale della specie. La prima tartaruga con radio tracking satellitare, del progetto in questione, ha preso il mare lunedì 25 giugno scorso, poche ore dopo essere stata trovata nella rete dell’armatore Giuseppe Conoscitore, motopeschereccio “Nuova Stella”, un pescatore di Manfredonia che collabora al progetto.

La tracciatura satellitare del WWF Italia mira a raccogliere preziose informazioni sulla vita di questi animali. Le informazioni che si ricavano sono fondamentali per comprendere dove e quando le tartarughe, in grado di compiere spostamenti di migliaia di chilometri, sono più vulnerabili alle attività umane e in che modo possono essere più efficacemente protette. Al carapace della tartaruga, per mezzo di una colla speciale, viene applicata una trasmittente di circa 200 grammi che raccoglie varie informazioni sulla temperatura e sui tempi di immersione e periodicamente le trasmette ad un sistema di quattro satelliti in orbita polare a 850 km di altezza. Grazie a questo segnale i satelliti calcolano anche la posizione della tartaruga.

Domani, mercoledì 27 giugno 2012, alle ore 19 si svolgerà una conferenza stampa presso la Sala Convegni della Lega Navale Italiana, sezione di Manfredonia, in viale Miramare, a cui prenderà parte il dott. Paolo Casale, responsabile nazionale del Progetto sulle tartarughe marine del WWF Italia, per comunicare il rilascio nel golfo di Manfredonia di 5 tartarughe con trasmettitori satellitari.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI