Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 13 Agosto 2020

Manfredonia - Valorizzazione dei resti di cymodocea nodosa

Prosegue il lavoro di ripascimento dunale, eseguito da questa Amministrazione già nel 2011, che ha conseguito risultati positivi in termini di morfologia dunale ed integrazione vegetazionale autoctona. Il fine primario è quello di fronteggiare, anche per gli anni 2012 e 2013, il fenomeno di spiaggiamento delle biomasse (cymodocea nodosa) garantendo la protezione del litorale più a Sud da fenomeni di erosione della costa.

Il litorale di Manfredonia, nel tratto compreso tra la scogliera in località Acqua di Cristo e gli arenili della Riviera Sud, è infatti da sempre interessato dal fenomeno dello spiaggiamento di residui vegetali marini, spinti sulla costa durante le mareggiate invernali. Sul tratto localizzato lungo il Litorale di Siponto si accumulano costantemente notevoli quantità di materiale vegetale di origine marina. Basti pensare che nel corso del 2012 si registra uno spiaggiamento pari a circa 1100 metri cubi di biomassa su una superficie pari a circa 10.000 metri quadrati.

“Lo spiaggiamento di queste biomasse vegetali, sebbene svolga un ruolo importante - afferma l'Assessore all'Ambiente e Sviluppo sostenibile, Michele Gallifuoco - nell’equilibrio dell’ecosistema marino costiero, rappresentando una barriera contro l’erosione, viene spesso percepito come un disagio dalla popolazione e come un danno economico per i gestori degli stabilimenti balneari e delle strutture turistiche costiere. Per questo motivo, le Amministrazioni dei Comuni costieri in cui si verifica il fenomeno sono costrette a rimuovere i residui vegetali spiaggiati, che vengono generalmente smaltiti in discarica, con elevati costi economici ed ambientali”.

Prima di rimuovere il materiale spiaggiato viene realizzata una raccolta manuale dei rifiuti di grosse dimensioni presenti lungo il tratto di litorale oggetto dell’intervento. I rifiuti raccolti vengono conferiti ad impianti di smaltimento autorizzati ed eventualmente immessi nel circuito di raccolta dei rifiuti differenziati. Le operazioni di rimozione della cymodocea sono effettuate in modo da evitare l’asportazione di sabbia.

“Il materiale spiaggiato - prosegue l'Assessore Gallifuoco - viene posizionato a nord della foce del fiume Candelaro. Il materiale movimentato sarà utilizzato, infatti, per il ripristino del cordone dunale di una porzione di litorale sabbioso visto che il Piano Regionale delle Coste ha evidenziato l'arretramento in tale tratto della costa di Siponto”.

“L'Amministrazione - illustra il Sindaco, Angelo Riccardi - sta facendo in modo, già da tempo, che la nostra comunità venga messa a conoscenza del lavoro che si sta compiendo, coinvolgendola mediante il posizionamento di pannelli informativi, sia in prossimità del sito di accumulo che presso l’area sperimentale di spandimento delle biomasse. I pannelli riportano una descrizione dell’intervento in corso di realizzazione, le motivazioni dell’opera e le modalità di gestione adottate, tutto ciò con il preciso obiettivo di informare i cittadini circa l’importanza dei residui vegetali spiaggiati ai fini della protezione dei litorali sabbiosi dai processi erosivi”.

“Lo scopo - conclude Michele Gallifuoco - è quello di sensibilizzare rispetto al problema della gestione delle biomasse spiaggiate e soprattutto consentire l’acquisizione di conoscenze rispetto a piante indispensabili, e niente affatto nocive, per il mantenimento degli equilibri dell’ecosistema marino. Nell’area interessata dalle attività sperimentali di ripristino dunale verranno, inoltre, esposti pannelli didattici contenenti la descrizione delle specie vegetali tipiche dei litorali sabbiosi”.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI