Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 04 Marzo 2021

Bilancio anagrafico delle aziende, saldo positivo

Il bilancio anagrafico nazionale, fornito dai dati Unioncamere, tra le aziende nate e quelle cessate, nel 2010 ha fatto registrare un saldo positivo di 72.530 unità, pari a un +1,2%. Scendendo nel dettaglio, si registra una forte crescita delle società, con particolare rilevanza per quelle di capitali, e una contemporanea diminuzione delle realtà artigiane, con un saldo negativo di 5.064 unità. Considerando, invece, la realtà della Regione Puglia, riscontriamo un saldo positivo, tra imprese iscritte e cessate, pari a 5.170 unità, con un relativo tasso di crescita del 1,34%.

“Proprio analizzando il comparto artigiano, però - spiega Aldo Pugliese, Segretario Generale della Uil di Puglia e di Bari – si evince come circa il 10% del saldo negativo nazionale si riferisce alla nostra Regione. A fronte di 5.473 imprese artigiane iscritte, infatti, ne sono cessate 5.929, con una variazione negativa di 456 unità. E’ evidente, quindi, che i segnali statistici ci confermano una realtà difficile e dai segnali difformi ed altalenanti. In un momento come l’attuale, che tuttavia evidenzia alcune positività, è necessario dare risposte forti e concrete al mondo produttivo e, conseguentemente, al mercato del lavoro. Infrastrutture, sburocratizzazione, attivazione immediata delle opere cantierizzabili, formazione e riqualificazione del personale, lotta all’evasione e conseguente diminuzione del carico fiscale per i cittadini virtuosi devono rappresentare i cardini della svolta economica in Puglia”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI