Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 28 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:993 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1547 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1069 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1771 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2532 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:2034 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:2025 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1976 Crotone

Maltempo, per l'agricoltura un danno di 20 milioni di euro

Un danno di quasi 20 milioni di euro, pari al 5% del PIL (Prodotto Interno Lordo Agricolo) e di 4 decimi del PIL dell’intera economia della Regione Puglia. E’ questo in sintesi il dato allarmante che emerge da un’analisi delle drammatiche ripercussioni del maltempo sul settore agricolo, per cui la Coldiretti Puglia ha chiesto la dichiarazione di Stato di calamità naturale.
“Purtroppo, permangono condizioni di elevato ed incombente rischio – dice il Presidente della Coldiretti Puglia, Pietro Salcuni – oltre alla severità dei danni occorsi e degli interventi di massima urgenza da doversi attuare, per cui abbiamo richiesto lo stato di calamità. Decine di imprenditori stanno in queste ore collaborando con l’Unità di Crisi, istituita presso la Prefettura di Foggia, per liberare le aziende dalla neve e per la messa in sicurezza degli alberi che sotto il peso della neve crollano sulle strade con danni a persone e automezzi. E’ l’ennesimo duro colpo al settore, dopo lo sciopero degli autotrasportatori rientrato solo qualche giorno fa”.
Utilizzati i trattori spalaneve e gli  spandiconcime sono stati riadattati a spargi sale di fortuna, attivi sulle strade rurali e interpoderali, ma anche sulle strade asfaltate dei centri urbani. Inoltre, i produttori del settore ittico e dell’acquicoltura denunciano una situazione di grave difficoltà a causa delle fortissime mareggiate, con danni ingenti che derivano dai mancati guadagni “lucro cessante”) e alle strutture (“danno emergente”).
“La straordinaria ondata di maltempo che ha colpito la regione Puglia – continua il Direttore della Coldiretti Puglia, Antonio De Concilio - con forti e incessanti nevicate sulle province di Foggia,  Bari e Taranto e le piogge battenti sulle province di Brindisi e Lecce, ha causato gravi disagi a carico delle popolazioni nelle aree rurali e danni ingenti alle colture autunno-vernine e agli allevamenti. In particolare, gli allevamenti avicoli della provincia di Foggia sono al collasso, a causa dell’interruzione dei collegamenti stradali e delle dune di neve alte fino a 4 metri che hanno isolato le aziende, rendendo impossibile l’approvvigionamento di mangimi e di carburante per il riscaldamento degli impianti”.
Risulta distrutto il 50% degli ortaggi autunno – vernini, quali cavoli, verze, cicorie, carciofi, radicchio e broccoli. Tutto ciò che poteva essere raccolto giace sui campi, perché i collegamenti interrotti determinano l’impossibilità  al trasporto della merce. Nelle province di Bari, Brindisi e Lecce la situazione rischia di aggravarsi a causa degli allagamenti, dovuti alle piogge persistenti che interanno le suddette aree da più di 96 ore. Sono schizzati i costi per il riscaldamento delle serre, aumentati del 30% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, mentre in decine di stalle isolate mucche, pecore e maiali rischiano di rimanere senza acqua e cibo per le difficoltà di garantire l’approvvigionamento dei mangimi e per i danni provocati dal gelo alle condutture che portano l’acqua agli abbeveratoi.

Di seguito la mappa degli allevamenti per i quali è stato richiesto un intervento della Prefettura finalizzato a rompere l'isolamento nel quale le aziende si sono venute a trovare e consentire il raggiungimento delle strutture con i mezzi di approvvigionamento di mangimi e carburanti:
n. 12 allevamenti in agro di DELICETO località Serra di Castro, Barone e Amendola;
n. 3 allevamenti in agro di Bovino località Radogna e San Lorenzo;
n. 6 allevamenti in agro di Anzano località S. Maria d'Olivola;
n. 1 allevamento in agro di Orsara località Moscara;
n. 17 allevamenti in agro di Troia su s.p. per Castelluccio  s.s. per Lucera e verso Giardinetto (loc. Commenda);
n. 4 allevamenti in agro di Troia località POstanova;
n. 2 allevamenti in agro di Troia località San Vincenzo;
n. 1 allevamento in agro di Foggia località Montecalvello.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI