Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 15 Novembre 2018

Inaugurata Mediterre 2012

Sostenibilità ambientale, green economy, difesa del mare, politiche di risparmio per acqua, energia e attenzione per il clima: su questi temi si concentra la settima edizione di Mediterre, organizzata dall’Assessorato alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia, in collaborazione con la Federazione Italiana dei Parchi e delle Riserve Naturali, in programma fino al 4 febbraio e inaugurata nel nuovo padiglione della Fiera del Levante.
Una struttura che, come sottolinea il presidente Gianfranco Viesti, è il simbolo del cambiamento della Fiera. Un percorso che passa “dai nuovi contenuti, sempre più legati all’economia verde, alle energie rinnovabili, all’acqua, al turismo e all’ambiente, ai contenitori, all’insegna della sostenibilità energetica. Nel quartiere, poi, si stanno insediando alcune imprese giovanili e si guarda con attenzione al mercato internazionale: ai Balcani, nostri Paesi di riferimento da sempre, va aggiunta tutta l’area del Mediterraneo. Non c’è momento migliore della crisi attuale per darsi da fare e trasformare le possibilità in fatti concreti”.
Di sicuro, come dichiara il presidente della Regione Nichi Vendola, “il modello di sviluppo attuale, basato sulla crescita quantitativa, ferisce le biodiversità e mutila la ricchezza della terra. Nel Mediterraneo il deserto avanza, le alghe aumentano, il clima muta non per fatalità ma per antropizzazione inappropriata e trasformazione di mare, terra e atmosfera in una discarica”. Vendola, allora, ritiene necessario “un patto tra le comunità regionali del Mediterraneo per dire no alle trivellazioni in mare, che rappresenta il nostro ‘petrolio’ e non va inquinato”. “Basta – aggiunge - ai ciclopi energetici, alle megacentrali di combustibili fossili o energie alternative: in Puglia stiamo scommettendo sulla solarizzazione strutturale delle città, sull’energia ‘dolce’. Stop ai rifiuti visti come problema: sono una risorsa e devono sganciarsi dalla mafia e dalla cattiva politica. Sì alla gestione e protezione pubblica dell’acqua: noi proponiamo il criterio ‘chi spreca acqua paga’. Fermiamo, inoltre, la cementificazione selvaggia e riqualifichiamo le periferie. Queste le sfide che ci attendono. Occorrono un patto di buone pratiche, una banca ecologica europea, l’apertura al mondo. Con questi sentimenti lavoriamo nel Mediterraneo e per il Mediterraneo”.
Un concetto ribadito dall’assessore regionale all’Ambiente Lorenzo Nicastro e su cui torna il presidente del Consiglio regionale, Onofrio Introna, il quale evidenzia la presenza in sala di numerose scolaresche e l’importanza della formazione della giovani generazioni. “La tutela dell’ambiente – ribadisce – è fondamentale e su questo discuteremo il 2 febbraio con il ministro dell’Ambiente Clini e i presidenti delle Assemblee regionali”.
L’assessore al Mezzogiorno del Comune di Bari, Gianluca Paparesta, pone l’accento sulle politiche di sviluppo sostenibile, che caratterizzano l’Amministrazione comunale, “che ha aderito a Smart City e punta alla riduzione del 40% di emissioni di CO2 entro il 2020. Nel 2015 Bari avrà in Fiera una sede decentrata dell’Esposizione Universale di Milano dedicata a questi aspetti”.
Infine il presidente della Federparchi, Giampiero Sammurri, definisce prioritario il collegamento “tra le politiche di tutela ambientale e lo sviluppo e il benessere dell’uomo. Il Mediterraneo è un mare ricco di biodiversità che richiede politiche comuni. I parchi possono svolgere un ruolo importante così come la nuova Politica Agricola Comunitaria”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI