Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 16 Settembre 2019

Martina Casaccio: un sogn…

Set 13, 2019 Hits:116 Crotone

Ad Hannam il progetto I l…

Set 04, 2019 Hits:335 Crotone

La Madonna di Czestokowa …

Ago 30, 2019 Hits:472 Crotone

Magna Grecia film Festiva…

Ago 23, 2019 Hits:641 Crotone

Prestigioso incarico all’…

Lug 24, 2019 Hits:1514 Crotone

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:1394 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:5057 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1786 Crotone

“Senza imbrolio”: lotta senza quartiere alle sofisticazioni alimentari

L’olio extra-vergine d’oliva: un vero e proprio simbolo della Puglia, divenuta ormai primo produttore a livello nazionale, nonché una risorsa fondamentale per l’immagine e l’economia della nostra regione.

E i beni più preziosi meritano di essere difesi. Nasce così “Senza imbrOlio”, convegno sulla tutela dell’olio extra-vergine d’oliva italiano, promosso da Unaprol e dal Comando dei Carabinieri per le politiche agricole, e inserito nell’ambito delle manifestazioni di “Bari verso Expo Milano 2015”.

L’incontro, sponsorizzato anche dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, si è tenuto questa mattina nel Padiglione 126 della Fiera del Levante, salutato da Antonio Ciuffreda, presidente di FdL Servizi: «Il compito della Fiera è quello di essere al servizio delle imprese del territorio, e l’agricoltura è senz’altro un settore trainante della nostra economia: per questo motivo siamo felici di accogliere quest’iniziativa».

A presiederlo è intervenuto Paolo Russo, Presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati: «Una grande iniziativa a tutela dell’agricoltura di qualità, che va difesa migliorando le performance di processo e la capacità delle aziende di competere sul mercato, ma anche e soprattutto proteggendola dalle manipolazioni e da ogni forma che ne limiti la prospettiva di crescita. Mi pare che in questo senso i Carabinieri e il Ministero stiano facendo un lavoro davvero meritorio, e che l’incontro odierno possa rappresentare un ulteriore passo in avanti».

Sulla stessa linea d’onda anche Dario Stefano, assessore della Regione Puglia alle Risorse agroalimentari: «Una battaglia di trasparenza e legalità sulla produzione e la commercializzazioni dei prodotti alimentari è strategicamente determinante per la nostra regione, che più d’ogni altra è interessata dal tema delle sofisticazioni. Il brand Puglia comincia a funzionare, è importante proteggerlo. Scontiamo la superficialità del passato e il ritardo catastrofico dell’Europa, ma possiamo rimediare attraverso un piano di forte impegno comune. Mi auguro, però, che i tagli di quest’ultima manovra non si riverberino sui pochi strumenti di controllo a nostra disposizione».

Il convegno ha visto anche la presentazione di un decalogo anti-truffa e lo svolgimento di un work-shop sugli aspetti operativi dell’azione antifrode con le relazioni di Vincenzo Ferrara, comandante dei Nuclei Antifrodi Carabinieri di Salerno, e di Maurizio Servili, professore del Dipartimento di Scienze economiche all’Università di Perugia. «La maggioranza degli Italiani spende più per l’olio del motore della propria macchina che per l’olio extra-vergine da portare in tavola» - ha denunciato Massimo Gargano, presidente di Unaprol, per poi proseguire: «Dobbiamo difendere un valore nazionale che è quello dell’origine dei mille territori italiani con la loro diversità e distinzione».

Al centro del dibattito la necessità di un’intensa opera di collaborazione fra tutte le parti interessate – istituzioni e forze dell’ordine come produttori e consumatori – per sconfiggere un fenomeno che si fa sempre più preoccupante, anno dopo anno, scandalo dopo scandalo. Promuovere uno scambio continuo di informazioni e di esperienza fra i Carabinieri e le associazioni produttrici, un’idea di cui Maurizio Delli Santi, comandante dei Carabinieri per le politiche agricole e alimentari, si è detto entusiasta: «Ringrazio Unaprol per aver avuto la grande sensibilità istituzionale che ha portato a quest’iniziativa di cooperazione. Nell’ultima estate sulla base delle segnalazioni di alcuni produttori abbiamo effettuato delle straordinarie operazioni di sequestro: questa è la strada giusta sui cui muoversi, questo è il senso dell’incontro di oggi».

La speranza è che l’impegno di tanti operatori del settore al fianco dei corpi dei Carabinieri possa consentire lo sviluppo di una più efficace azione antifrode a tutela della qualità del Made in Italy.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI