Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 20 Gennaio 2022

La civiltà dei pastori va in scena con la mostra “i tratturi: strade senza tempo”

E’ stata inaugurata stamattina, nel padiglione del Consiglio regionale della Puglia, la mostra “I tratturi: strade senza tempo”, visitabile dalle 10 alle 21 nei giorni del periodo fieristico e su prenotazione (info: 0805402715; 0805402772) fino al 30 novembre.

Si tratta di un’iniziativa di alto profilo culturale per la valorizzazione del nostro territorio, di uno spunto per una nuova progettualità di interventi, oltre che sul piano dell’urbanistica e dei beni storico-archeologici, soprattutto su quello economico e sociale, puntando a sostenere nuovi percorsi di turismo sostenibile e il recupero degli strumenti di cui si avvaleva la nobile arte della pastorizia nell’antichità.

L’esposizione di reperti cartografici antichi e moderni, di documenti normativi appartenenti alla storia e all’attualità, di fotografie e oggettistica – il tutto riguardante l’affascinante mondo dei tratturi e quella pratica senza tempo che è la transumanza – è anche un virtuoso pretesto per un’inedita collaborazione futura tra i Consigli regionali di Puglia e Abruzzo all’insegna di quelle larghe strade che per secoli hanno unito i due territori con l’unico obiettivo di “svernare” dal Gran Sasso al Tavoliere, fino alla Murgia salentina, centinaia di migliaia di capi di bestiame. Viaggi legati alla pastorizia, che portavano con sé le storie di uomini di differenti culture e i loro legami, fatti di canoni di locazione, ma anche di straordinaria accoglienza e umanità.

Tra i pezzi più significativi della mostra i disegni cartografici (tratti dall’archivio dell’Ufficio regionale parchi e tratturi di Foggia) del Crivelli e del Michele, due dei più importanti agrimensori del 16esimo e 17esimo secolo, con la rappresentazione di alcuni snodi delle vie della pastorizia; i compendi delle recenti leggi regionali che regolamentano l’istituzione e gli obiettivi del “Parco dei tratturi della Puglia” e del “Piano comunale dei tratturi”; i pannelli illustrativi dei progetti e degli interventi dell’architetto Arturo Cucciola, docente del Politecnico di Bari, per il recupero di sezioni importanti dei tratturi pugliesi, come la riqualificazione, in agro di Terlizzi, che ha portato anche al disvelamento dell’antica via Traiana. Infine gli scatti panoramici dello stesso Cucciola, insieme a quelli di Giulio Castellari, Sante Cutecchia e Francesco Farella immortalano lo stato attuale di riposi, stazzi, jazzi, ovili sotterranei e contapecore, mungituri, pietre antilupo, locande, cappelle e chiese, ovvero tutti quegli elementi, immersi nell’affascinante natura pugliese, che testimoniano in modo lampante la civiltà dei tratturi.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI