Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 10 Aprile 2020

Tutelare e promuovere il territorio, la provincia insegna

Numeri di tutto rispetto per il progetto sulla ‘Gestione eco-sostenibile del suolo’ e rappresentati nel corso della manifestazione conclusiva “Tutelare e promuovere il Territorio. La Provincia di Bari insegna”. Oltre 150 gli allievi dei corsi di formazione, 36 seminari organizzati in ogni comune delle province di Bari e BAT, a cui ha partecipato complessivamente un pubblico di oltre 750 persone, tra imprenditori agricoli, rappresentanti della società civile, cittadini-consumatori.

Allo svolgimento del progetto hanno lavorato sinergicamente il CRSA (Centro di Ricerca Basile Caramia di Locorotondo), Terranostra Puglia, associazione agrituristica e ambientale della Coldiretti, l’Università degli Studi di Bari, Telenorba, con la collaborazione degli Istituti Scolastici “A. Agherbino” di Noci, “G. De Gemmis” di Terlizzi, I.T.C. “S. Pertini” di Turi; “R.Canudo” di Gioia del Colle, I.I.S.S. - I.P.S.I.A. - I.T.C. - L.S di  Santeramo in Colle e  dell’A.T.O. Bari/5.

“Contro l’abbandono delle campagne, l’inquinamento, lo sfruttamento – a volte indegno – del nostro patrimonio rurale, la Provincia di Bari ha voluto dare un segnale concreto, attraverso la realizzazione del progetto sulla ‘Gestione eco-sostenibile del suolo’. L’attività si è concentrata sulla formazione di tecnici e operatori che quotidianamente devono attivamente salvaguardare il territorio, attraverso 3 corsi di formazione e 36 seminari che hanno interessato tutto il territorio provinciale di Bari e della BAT”. Così gli Assessori alla Formazione Professionale della Provincia di Bari, Mary Rina e all’Ambiente, Giovanni Barchetti, hanno spiegato gli obiettivi del progetto durato 10 mesi e giunto a conclusione.

“Dobbiamo assolutamente contrastare – ha aggiunto il Preside della Facoltà di Agraria di Bari, Vito Savino – il processo di abbandono delle campagne che fino a 10 anni fa pareva una emorragia inarrestabile. Oggi siamo al fianco degli imprenditori agricoli per riuscire ad innovare e dare nuova linfa vitale al settore agricolo, vera ricchezza dell’economia della provincia di Bari”.

“Il processo di rigenerazione del settore agricolo – ha aggiunto il Presidente di Terranostra Puglia, Gianvincenzo De Miccolis Angelini - che ha nei giovani imprenditori agricoli gli attori principali va accompagnato da mirate azioni incentivanti che diano risalto alle professionalità esistenti e promuovano un nuovo modo di fare impresa. I giovani imprenditori agricoli, attenti all’innovazione e agli strumenti per aumentare la competitività sui mercati nazionali ed internazionali, intendono contribuire alla costruzione di un forte SISTEMA PUGLIA basato sulle risorse del territorio, sui servizi innovativi e sulla forte distintività delle eccellenze e delle produzioni tipiche di qualità del sistema agricolo e agrituristico pugliese”.

Oggi il 35 percento delle imprese agricole è condotto da giovani; le giornate di lavoro in cui sono impegnati lavoratori agricoli tra i 20 ed i 40 anni sono 4.907.478, quasi la metà rispetto al totale di 11-12 milioni di giornate lavorative l’anno (pari al 15% del totale nazionale). Numeri ragguardevoli per un settore che ha vissuto negli anni un processo di invecchiamento che pareva inarrestabile.

“Gli agricoltori divengono, in tal senso, i custodi della agri biodiversità – ha spiegato Vincenzo Fucilli, Ricercatore Dipartimento di Progettazione e Gestione dei sistemi Agro-zootecnici e Forestali della Facoltà di Agraria dell’Università di Bari - che, oltre ad utilizzare diversificate specie vegetali ed animali, adatte alle condizioni locali ed adattabili al dinamismo intrinseco di queste - in una maniera tale da contribuire alla complessità ed alla resistenza degli ecosistemi che costituiscono l’equilibrio naturale - mantengono in vita le conoscenze locali e le tradizioni culturali che formano parte integrante della gestione della biodiversità agricola.

“Ciascun corso ha fornito – ha concluso il Maria Grazia Piepoli, Maria Grazia Piepoli, Responsabile del Settore “Gestione Corsi”  del CRSA “Basile Caramia” - le conoscenze fondamentali del sistema suolo quale substrato naturale al cui interno si svolgono processi chimici, fisici e biologici di fondamentale importanza sia per la produzione agricola ma anche e soprattutto per la salvaguardia dell’ambiente. Particolare attenzione è stata rivolta agli effetti che le intense attività antropiche determinano sulla perdita di “qualità” dei suoli. E’ stata altresì introdotta la problematica relativa all’impoverimento della sostanza organica nel suolo e alle tecniche d’elezione per la sua conservazione e arricchimento tra le quali primeggia il compostaggio che contribuisce anche a ridurre l’annoso problema della riduzione dei rifiuti da destinare in discarica”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI