Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 07 Luglio 2020

Fiera del Levante, inaugurato il Salone Mediterraneo dell’Acqua

S6001122

 

“Un piccolo Salone su un grande tema. Un’iniziativa programmata da tempo che ospitiamo molto volentieri visti il formato intelligente e la presenza di un pubblico altamente specializzato”: nel giorno di apertura del Salone Mediterraneo dell’Acqua il presidente della Fiera del Levante, Gianfranco Viesti, sottolinea le caratteristiche peculiari della rassegna (al suo debutto assoluto e destinata a diventare biennale), in programma fino a venerdì (con orario dalle 9 alle 18) nel padiglione 20.

“La questione dell’acqua – aggiunge – merita attenzione ed è importante che la Fiera si caratterizzi per argomenti di sostenibilità e di nuova qualità della vita anche attraverso le esposizioni che propone. L’acqua, poi, riveste particolare rilevanza tra i cittadini, tanto più alla vigilia del referendum, ed è giusto che la Fiera offra anche un servizio informativo in merito”.

Di sicuro – secondo Fabiano Amati, assessore della Regione Puglia alle Opere Pubbliche e alla Protezione civile (con delega alla tutela delle acque), intervenuto all’inaugurazione – “la Fiera conferma una grande attenzione per settori strategici della nostra economia. Inoltre in questo momento storico c’è la necessità di affermare la gestione pubblica del servizio idrico integrato perché, dietro ogni tubo, condotta, dispositivo c’è l’ambizione alla giustizia, alla libertà e all’equità. Ogni modulo, infatti, è funzionale alla depurazione: da un lato garantisce la possibilità di scaricare reflui in un luogo, dall’altro permette di custodire la terra”.

Moduli che allo SMA abbondano grazie alla ricca offerta espositiva che comprende prodotti, tecnologie e servizi per la gestione della filiera del ciclo dell’acqua, dalla captazione fino all’utilizzazione finale. Spiccano strumenti per il trattamento e la depurazione dell’acqua potabile o per la misurazione del colore o della portata, tubazioni pre-isolate, dispositivi che avvisano gli utenti in caso di perdita di acqua o gas, impianti elettrolitici per autolavaggi (che impediscono il ricorso a pericolosi reagenti chimici), elettropompe con sistemi di aerazione ad altissimo rendimento e valvole a sfera.

Interessante anche il panorama convegnistico. Domani, in due sessioni (una alle 9.15 e l’altra alle 14.15) nel padiglione 20 (sala convegni 1), si farà il punto sulle innovazioni e sulle tecnologie per la riduzione delle perdite idriche mentre (nella sala convegni 2) alle 11 sarà presentato un impianto di ozonolisi da aria per la riduzione dei fanghi di depurazione e alle 12 si approfondiranno i sistemi di filtrazione avanzati nel trattamento terziario.

Proprio il mix tra esposizione e dibattiti costituisce, per l’organizzatore (della C.M.F.) Nicola Ustignani la chiave vincente del format: “Il prossimo obiettivo è coinvolgere i consumatori finali. Nel 2013 vogliamo invitare anche i cittadini perché comprendano quanto è preziosa l’acqua potabile e il grande lavoro che c’è alle spalle”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI