Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 30 Novembre 2020

Sottoscritto oggi un patto federativo regionale tra Pdl e Ppdt

Da una parte «l'esperienza e la leadership del Pdl», dall'altra «la forza territoriale della Puglia prima di tutto, ben radicata in Puglia», al centro con funzione di collante la «piena condivisione di valori, programmi, obiettivi e azione politica e di governo del presidente Berlusconi: c'è questo alla base del patto federativo sottoscritto questa mattina dai vertici regionali del Popolo della libertà e della Puglia prima di tutto, un patto che in qualche maniera «anticipa la attuazione della riforma federale, attraverso la valorizzazione delle realtà politiche del territorio».

«L’emergere di ampie aree di consenso locale non facilmente riconducibili ai partiti nazionali – hanno spiegato il coordinatore e il vicecoordinatore regionale pdl, Francesco Amoruso e Antonio Distaso – rende oggi più che mai necessaria la ricomposizione della tensione tra identità locale e identità nazionale: una ricomposizione da trovare intorno ai valori condivisi dall’elettorato moderato attraverso quella sintesi politica fin qui attuata in Puglia tra Ppdt e Pdl». «Il collante di un rapporto che dura dal giorno in cui la Puglia prima di tutto è stata fondata da Raffaele Fitto – ha sottolineato il coordinatore regionale ppdt, Salvatore Greco – è nella identità dei valori di riferimento, che sono quelli del riformismo moderato e del cattolicesimo liberale: con questo patto il Pdl ci riconosce oggi dignità di partito e avvia una fase nuova nella quale sarà più facile il dialogo nelle singole realtà locali».

 

Di «identità di vedute e continuità politica» ha parlato il capogruppo pdl alla Regione, Rocco Palese, ricordando come un analogo patto con l'allora Forza Italia sia stato sottoscritto già nel 2005, all'indomani delle elezioni regionali. «Da allora – ha confermato il capogruppo ppdt, Francesco Damone – la attività politica in Consiglio regionale si svolge in piena intesa tra i due gruppi». «In fondo – ha aggiunto Distaso – questo è il progetto di Pinuccio Tatarella di riunire tutte le forze moderate non di sinistra che, sottolineo con un pizzico di presunzione, in Puglia stiamo realizzando con successo come attestano i risultati eccellenti conseguiti nelle competizioni elettorali: la Puglia prima di tutto non è un movimento che nasce dall'interno del Pdl, come sottrazione di voti – ha concluso – ma scaturisce dalla società civile e dall'esterno, come apporto aggiuntivo in termini di programmi e consensi».

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI