Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 16 Luglio 2020

“La politica dei tagli è insostenibile, subito misure per l’occupazione”

“Rilancio dell’economia attraverso nuovi stimoli ai consumi e all’occupazione che giungano da un’accelerazione decisa nello sblocco dei tanti cantieri bloccati dalla burocrazia, dalla lotta agli sprechi della politica e da una politica fiscale che colpisca duramente l’evasione senza penalizzare ulteriormente le classi sociali più in difficoltà”.

Aldo Pugliese, Segretario Generale della UIL di Puglia e di Bari, annuncia così i temi al centro della discussione del prossimo Comitato Centrale della UIL regionale, che si terrà giovedì 12 luglio, alle ore 9, presso l’hotel Appia Palace di Massafra, convocato in vista della Conferenza d’Organizzazione nazionale della UIL, in programma dall’1 al 3 ottobre a Bellaria. Conferenza in cui “la UIL regionale proporrà il modello Puglia quale cammino da perseguire in futuro per cementare ulteriormente il rapporto tra i cittadini, i lavoratori ed il sindacato, inteso anche come servizi e assistenza rivolta agli stessi, aspetto, qeust’ultimo, divenuto fondamentale in un momento storico di profonda crisi qual è l’attuale”.

“Non siamo soddisfatti – continua Pugliese – delle misure adottate dalla Regione Puglia per cercare di invertire la tendenza dell’economia regionale. L’ultimo assestamento di bilancio è un corpo estraneo alle reali problematiche della Puglia: 40 milioni di euro sono stati dispersi in inutili rivoli senza fare accenno al taglio degli sprechi, all’alleggerimento della pressione fiscale su lavoratori e pensionati, al miglioramento dei servizi, partendo da quelli sanitari, ma soprattutto all’occupazione, che resta il vero tallone d’Achille dell’attuale amministrazione”.

Insoddisfazione che diventa preoccupazione in vista della razionalizzazione della spesa governativa. “La politica dei tagli a prescindere, degli obiettivi ragionieristici, fissata dal Governo Monti ha già trascinato l’economia nazionale nel baratro della recessione: perseverare in questa direzione sarebbe diabolico. Il Comitato Centrale sarà l’occasione giusta per studiare, in sintonia con gli organi nazionali, le contromisure da adottare prima che la situazione diventi catastrofica e insostenibile”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI