Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 14 Dicembre 2017

Il Corriere del Sud ospite alla trasmissione televisiva della Gold TV "Orazi e Curiazi"

Il Corriere del Sud è ospite alla trasmissione televisiva della Gold TV gli "Orazi e Curiazi"; la trasmissione nata 30 anni fa in radio (Radio Flash) da una idea di Antonio De Bartolo e di Fabrizio Bracconeri... dalle 21.00 alle 23.00.

Due ore per parlare di Roma e tante altre cose con gli ospiti di Antonio De Bartolo in studio che sono: Lamberto LEONARDI, George LABRINOPULOS, Gabriele MARCONI, Roberto SCARNECCHIA, Giampiero FORTE, Erika LOLLI, Gino MANCINI e le musiche di Piero MIRIGLIANO e le graziose presenze di Francesca MAIOCCHETTI, Eleonora KIM MONTI e Roberta SANTINI per i vostri messaggi ed auguri.

Ma il Corriere del Sud è anche ospite ogni mattina dalle 08 alle 10.00 "ORAZI E CURIAZI" caffè di mattina di Antonio De Bartolo con Ferdinando Mosca e Lamberto Leonardi  e gli ospiti del nostro programma televisivo, su ELLERADIO 88.1 tutti i giorni da lunedi a sabato e si puo intervenire in diretta al numero 06.35511660 mentre si possono mandare sms al numero 335.6637853.

Parlando con l'amico e collega Antonio De Bartolo sulla situazione della Roma dopo gli ultimi sviluppi dopo il derby perso con la Lazio lui mi dice: Sparare su un ragazzo di nome Strootman e trattarlo come un delinquente ed un truffatore, è sport vergognoso che lascio ad altri e tutto questo solo per avere un attimo di notorietà e qualche mi piace in più... siete gente povera di tutto anche di spirito. Non valutare l'incidente che ha subito e che lo ha tenuto fuori quasi un anno e la paura di venir colpito con una simulazione è realmente una vergogna. 

Cosa succederà secondo te per le ultime giornate del campionato e dobbiamo pensare che abbiamo avanti a noi Milan e Juventus.

La Roma per la sua gente deve cercare di vincere e mantenere il secondo posto questo deve essere il suo vero e ultimo obbietivo ma purtroppo oggi la situazione  è questa: la presentazione del nuovo ds Monchi che dovrà ricostruire la Roma. Il 2° posto gli garantirebbe più serenità nella programmazione e avrebbe preferito stare già al sicuro, per capire subito quali calciatori confermare. 

Le mosse di altri club su alcuni nostri e non giocatori sono queste ma dobbiamo vedere se alla fine succederà quello che scrivono i vari colleghi: il Milan insiste per Kessie e Pellegrini; l’Inter, già interessata a Manolas Rudiger e Strootman tratta con De Rossi ma spero che De Rossi vorrà fare come Totti: rimanere alla Roma ma loro offrono biennale da 5 milioni a stagione . Ma anche con Spalletti che, però, è la quarta scelta dietro Conte, Simeone e Sarri. Monchi, forte del sì di Emery nel caso in cui lo spagnolo fosse esonerato dal Psg, ha almeno il tecnico di domani. Non ancora la squadra, però. Da assemblare, con il taglio degli ingaggi, solo dopo il traguardo.

Il derby è il simbolo della stagione della Roma. Prima di guardare avanti, è bene voltarsi indietro, rifacendo il percorso delle ultime settimane. Le date che sintetizzano il crollo giallorosso sono entrambe in questo 2017: 1° marzo e 30 aprile, cioè i ko dolorosissimi e umilianti contro la Lazio. In mezzo 61 giorni usati per dare il peggio di sé: fuori dall’Europa League agli ottavi, dalla Coppa Italia in semifinale e dallo corsa scudetto. E, tanto per non farsi mancare niente, anche il 2° posto è a rischio: il Napoli a -1 ha il calendario più agevole. In due mesi, insomma, la certificazione dell’ennesima annata a vuoto.

Spalletti a forza di vedere fantasmi e ombre dentro e fuori lo spogliatoio, non si è curato dei nemici veri. Da affrontare in campo.Le sbandate peggiori proprio nel 2017: i ko con la Sampdoria, il Lione, il Napoli e la Lazio (Coppa Italia e campionato). Non ha convinto né nella preparazione dei match e né nella serie di interventi in corsa. Lui e il suo staff, numerosissimo e ben remunerato, hanno steccato sempre negli appuntamenti cruciali, dando seguito alle scelte scellerate della prima parte della stagione, con i picchi nella gara di ritorno del play off con il Porto e nello scontro diretto con la Juventus allo Stadium. Ha gestito male il nostro grande campione Totti facendolo giocare 5 minuti alla fine umiliando questo monumento del calcio che abbiamo la fortuna di avere; ha gestita male la rosa, usando sempre gli stessi giocatori, quei titolari che da tempo sono con la lingua di fuori. Tanto da non essere competitivo cioè lottare, non per forza vincere, in campionato o nelle coppe in nessun torneo.

Grazie tanto Antonio De Bartolo per la sua opinione che svilupperà meglio durante la trasmissione di Orazi e Curiazi ma vorrei ringraziarti pubblicamente perchè mi ospiti alle tue trasmissioni sia Radiofonica a ELLERADIO 88.1 e ogni giovedi televisiva alla Gold tv canale 17 e mi hai fatto conoscere giocatori del calibro di Roberto Scarnecchia e Lamberto Leonardi e grazie della tua intervista.

Tifoso giallorosso Doc Piero Mirigliano è stato per diverse edizioni ospite fisso nella trasmissione televisiva di Gold-TV  “ Giallorosso di sera “ condotta da Marcello Poggiani, Enzo Scala e Sebino Nela  mentre oggi da piu di venti anni sta agli “ Orazi e Curiazi “ di Antonio De Bartolo “ canta Roma e la AS Roma a cui ha dedicato 10 brani inseriti nel suo nuovo CD   “ IL CAPITANO “  un omaggio a Francesco Totti.

Rispondendo in esclusiva per il Corriere del Sud, il Maestro Mirigliano mi dice: La mia canzone " La Storia nella Storia siamo noi" nasce pensando a questo momento particolare della nostra amata ITALIA; pensieri, parole ed emozioni che sono riuscito a mettere in musica - E' un mio atto d'amore, di speranza, di pace con l'orgoglio di essere ITALIANO.

Grazie all'amicizia che mi lega da anni con Luciano Preziotti (ex batterista del mio gruppo de I MENO UNO ) ho fatto ascoltare "La storia nella Storia siamo noi" al Presidente dell'Ente Circhi d'Italia Antonio Buccioni  che l'ha voluta come colonna sonora per il Giubileo della Spettacolo Viaggiante e Popolare dandomi l'opportunità di cantarla il 16 giugno 2016 in aula Nervi davanti a Papa Francesco.

Voglio anche ringraziare l'amico fraterno Antonio De Bartolo che ha creduto sempre ed in particolare in questa mia canzone facendomela  cantare  più volte nella sua trasmissione " ORAZI & CURIAZI " la più amata dal popolo Giallorosso - Sono in attesa di appuntamenti importanti RAI e MEDIASET . 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI