Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 19 Agosto 2019

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:822 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:3230 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1300 Crotone

Maria Taglioni: 11 diplom…

Giu 24, 2019 Hits:1358 Crotone

Giuseppe Castagnino nomin…

Giu 14, 2019 Hits:1650 Crotone

Giornate Internazionali d…

Giu 13, 2019 Hits:2080 Crotone

ad Antonella Morea il Premio Pristice-Città di Positano

1_teatro_festival_2013-10

 

Il Festival, a Positano, riesce a vincere anche contro il maltempo. Una serata, quella del 9 luglio, la penultima di programmazione del Festival, che rischiava di saltare, per via del temporale e della bufera di vento che si sono abbattuti su tutta la costiera. Spettacolo previsto: “L’inCanto di Partenope 2”, recital della cantante attrice Antonella Morea, a cura di Gianmarco Cesario, che dopo il grande successo dello scorso anno tornava a raccontare la storia della canzone napoletana (questa volta della seconda metà del 900) nel pittoresco borgo della Chiesa Nuova. Quando tutto sembrava destinato a saltare per impraticabilità del palco, ecco che in soccorso dell’arte, forse ispirato da san Michele Arcangelo, protettore degli artisti, un illuminato sacerdote, quale don Giulio Caldieri, parroco di Positano, ha concesso l’utilizzo per il concerto della Chiesa S.Maria delle Grazie, dove Antonella Morea e la sua band (Vittorio Cataldi,Violino – Fisarmonica – Tastiere, Gianluca Mirra,Percussioni, Luigi Sigillo,Contrabasso e Peppe Fiscale al sax midi) hanno potuto interpretare integralmente il repertorio inconsueto per la suggestiva ed improvvisata location, che ha donato allo spettacolo un’ulteriore suggestione. Da “Desiderio” ad “Anema e core”, da “Cerasella” ad “Io mammeta e tu” e “Core spezzato”, con medley dedicati a Sergio Bruni, a Peppino di Capri, agli autori non napoletani (Pino Calvi, Fred Bongusto, Armando Trovajoli) e a quelli che, invece provengono dalla scena (Peppino De Filippo, Nino Taranto e Renato Rascel), fino a giungere al terzetto degli ultimi grandi autori, in ordine di tempo, quali Pino Daniele, Nino D’Angelo ed Enzo Gragnaniello, la Morea ha intensamente espresso la sua grande anima di artista, premiata ad inizio serata, con il nuovo premio istituito dall’ organizzazione del Festival, il Premio Pistrice – Città di Positano, con la seguente motivazione: “Premio Pistrice ad Antonella Morea che accordando di anno in anno la voce e l’arte alle morbide e sinuose insenature della leggendaria baia di Positano, ha fuso per incanto la calibrata perentorietà del suo gesto drammatico e la suggestione evocativa della parola e del canto alla bellezza universale di un palcoscenico naturale unico al mondo, palcoscenico che l’ha eletta – mito nel mito – quale tessera insostituibile del grande mosaico della sua storia.” A consegnare il premio all’artista, insieme al direttore artistico del Festival, Gerardo D’Andrea, che ha introdotto ogni canzone con delle gustose curiosità ed interessanti aneddoti, il sindaco di Positano, Michele De Lucia, uno dei più fervidi fan dell’artista. Lo spettacolo si è concluso con un inedito duetto, assolutamente imprevisto della scaletta, che ha visto la Morea al fianco del bravissimo Massimo Masiello, interpretare, in un tripudio di consensi, la vivianea “Rumba degli scugnizzi”. L’attore cantante, venuto ad assistere allo spettacolo della collega, era stato solo due giorni prima il protagonista dello show “Tutta pe’ mme”, nel borgo di Nocelle, sempre nell’ambito del Festival, dove con grandi consensi aveva interpretato un variegato repertorio di classici napoletani di tutti i tempi. Il Positano Teatro Festival, quindi, ancora una volta ha creato l’occasione di incontri all’insegna del divertimento e della cultura.

1_teatro_festival_2013-12

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI