Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 22 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:809 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1457 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:986 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1684 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2440 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1952 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1943 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1893 Crotone

Nato Il comitato referendario a Napoli

Con l’apertura ufficiale della campagna dei referendum sociali promossi dai movimenti per la scuola pubblica, per l’acqua e i beni comuni e contro la devastazione ambientale (no trivellazioni e no inceneritori), nel corso di una partecipatissima assemblea svoltasi domenica 13 marzo a Roma, si è messa in moto la macchina organizzativa che dovrà predisporre, su tutto il territorio, un’efficace e capillare rete di contatti e canali di informazione, allo scopo di raccogliere consensi e firme.

Il giorno 14, a Napoli, in via Torino, in una delle sedi messe a disposizione dalle forze sindacali, politiche e associative che hanno aderito alla campagna, si è svolta un’assemblea unitaria, alla quale hanno preso parte anche comitati regionali e provinciali da tempo attivi in Campania e che hanno contribuito, con l’ausilio di illustri costituzionalisti, a redigere i testi dei quesiti referendari, per iniziare a pianificare nel concreto le azioni e ad operare una ricognizione delle risorse umane e materiali disponibili.

L’assemblea ha affrontato preliminarmente i nodi cruciali della campagna, che si prospetta complessa e laboriosa, sia dal punto di vista fattuale che sul piano della comunicazione e della propaganda.

E’ stata fissata la sede della Segreteria operativa generale e sono state elencate le altre sedi napoletane e provinciali dei sindacati, partiti, coordinamenti e comitati coinvolti, da cui partiranno le direttive e in cui si lavorerà febbrilmente, nei prossimi mesi, per arrivare al traguardo auspicato.

Prima dell’avvio della raccolta vera e propria, che partirà il prossimo 9 aprile, il Comitato organizzerà una conferenza-stampa per presentare, nel dettaglio, referenti, luoghi, canali comunicativi e iniziative di lancio della “operazione referendum”, che ha già avuto il merito di unire e armonizzare movimenti e soggetti di diversa ascendenza politica e ideologica, e che, si spera, avrà anche quello di immettere nuova passione e nuova vitalità nella nostra Democrazia.

Il Comitato referendum sociali Napoli

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI