Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 23 Ottobre 2021

Napoli: Rispunta il piano parcheggi

Con una sentenza, depositata il 23 gennaio di quest’anno, resa dalla sezione quarta del TAR Campania, è stato accolto il ricorso presentato da una delle società interessate, con l’annullamento, in parte qua, della delibera di Giunta comunale n. 56 del 2 febbraio 2012, con la quale era stata sospesa, dall’organo esecutivo guidato dall’attuale primo cittadino, la realizzazione di 12 parcheggi pertinenziali, i cui progetti erano stati approvati con i poteri commissariali dall’ex sindaco di Napoli. I dodici progetti per parcheggi, presentati da altrettante società private, sono quelli denominati Artisti-De Bustis; Caldieri; Cavara; Cerlone; De Ruggiero; Di Vittorio; Gian Battista Marino; Giulio Cesare; San Carlo all'Arena; San Luigi; Tenore; Vittoria. Con la delibera succitata l’amministrazione comunale aveva sostenuto che l’iter procedimentale dei   progetti dei parcheggi non sarebbe risultato completato e che per il completamento dello stesso sarebbe stata necessaria la loro inclusione nel Programma Urbano Parcheggi, il cosiddetto PUP. Di diverso avviso i magistrati del TAR, al quale si è rivolta la società che aveva presentato il progetto di uno dei 12 parcheggi, approvato dal sindaco-commissario con decreto di assenso definitivo, prima che nel 2011 terminasse il periodo di commissariamento. A questo punto, immaginando che analoghe sentenze possano essere emesse anche per gli altri undici progetti approvati, resta da domandarsi cosa intende fare l’amministrazione comunale, vale a dire se ricorrere in appello dinanzi al Consiglio di Stato avverso alla decisione dei giudici di primo grado, cosa auspicata da più parti, o se annullare, così come ha sentenziato il TAR, la delibera che ha sospeso la realizzazione dei dodici parcheggi, rimettendo in moto l’iter amministrativo con i successivi atti necessari per la cantierizzazione dei progetti in questione, aspetto che desta non poche preoccupazioni anche alla luce dei recenti eventi che hanno interessato il sottosuolo napoletano.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI