Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 07 Luglio 2020

Parcheggio Morelli a Napoli: “Non ci resta che piangere”

Leggendo le cronache odierne mi sono chiesto cosa c’era da gioire per l’apertura del nuovo parcheggio Morelli. Un dato su tutti emerge: si tratta di un parcheggio privato, gestito da una società privata. Ed i parcheggi pubblici, attesi da 30 anni, a “prezzo sociale”, dove i napoletani avrebbero potuto parcheggiare a costi oscillanti tra 1 e 1 e mezzo al massimo all’ora? Che fine hanno fatto? Tra le gravi carenze delle amministrazioni comunali che si sono succedute negli ultimi lustri a Napoli, vi è certamente quella che dalla legge Tognoli in poi non risulta realizzato neppure uno stallo pubblico per consentire la sosta d’interscambio, a partire, ma solo per esemplificare, da quello sotto i viadotti della Tangenziale di via Cilea, per il quale il Comune commissionò un progetto, pagato con fondi in parte già stanziati e del quale più nulla si è saputo. Parcheggio che avrebbe certamente risolto non pochi problemi del traffico nel quartiere Vomero. Che i privati stiano facendo lucrosi affari, a Chiaia come al Vomero, realizzando parcheggi anche su suolo pubblico, vendendoli poi a cifre astronomiche che superano pure i 100mila euro per ciascun box, arrecando notevoli  disagi a residenti e a commercianti, è storia risaputa, ma che si possa esultare per l’apertura di un parcheggio privato, con 250 box ed  appena 230 posti auto per parcheggio ad ore – una goccia nel mare -  per accedere al quale per ogni ora o frazione di essa si pagano ben 4 euro, equivalenti praticamente a quasi ottomila delle vecchie lirette, mi sembra fuori luogo. Un addetto al commercio nella zona che volesse lasciare in tale parcheggio la propria auto per 25 giorni al mese per 9 ore di lavoro, dovrebbe versare 900 euro mensili tondi. Altro che fanfara dell’Arma, Cardinale e star Noa, qui, parafrasando il grande Troisi, “non ci resta che piangere”.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI