Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 28 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:585 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1295 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2031 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1562 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1540 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1507 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1785 Crotone

San Nicola La Strada - Il presidente Desiato lascia il calcio per colpa dell’amministrazione di centrodestra che non mantiene le promesse

Giovanni Desiato, Presidente della squadra di calcio che milita nel campionato di Eccellenza, da l’addio al mondo del calcio stanco, a suo dire, delle mancate promesse non mantenute per la questione del campo di calcio comunale “Clemente”. Entro il prossimo 10 Aprile, come annunciato dal presidente, verrà presa in considerazione l'ipotesi di cedere il titolo sportivo: in lizza 4-5 squadre del casertano. Un vero peccato perché considerando l'abilità e competenza del presidentissimo in cuor suo aveva già allestito o ideato l'ossatura della squadra vincente della prossima stagione. La notizia ha fatto immediatamente il giro della Città, con la tifoseria inviperita su quanto sta accadendo. Oggi San Nicola perde l'uomo che ha rilanciato il calcio ai massimi livelli portandola nel punto più alto della sua storia. Il campionato di eccellenza verrà regolarmente portato a termine, gli impegni saranno assunti fino all'ultimo con tutti ma poi si dirà la parola fine. “Il giorno 31 marzo” – ha affermato Desiato in una intervista – “ci dovevano essere delle novità. Ho comunicato a tutti i tifosi la mia decisione. Un grazie doveroso a loro va fatto per il loro continuo e incessante sostegno. Ci seguono dappertutto sostenendoci in maniera corretta. Presento le mie dimissioni in maniera irrevocabile. Da oggi non sono più il presidente della Vis San Nicola. Sono rimasto deluso” – ha aggiunto il Presidente che l’anno scorso venne insignito del “Sannicolese d’Oro” - dal comportamento di alcuni politici sannicolesi”. È ovvio che Desiato si riferisse al centrodestra che dallo scorso mese di Maggio 2011, guida le sorti della Città di San Nicola La Strada con il sindaco Pasquale Delli Paoli. A quali politici si riferisse Desiato non lo ha detto, ma sul banco degli imputati ci sono il primo cittadino, l’assessore allo Sport, Domenico Palumbo, e, probabilmente, alcuni consiglieri comunali che non hanno a cuore le sorti della squadra di calcio che tante soddisfazioni ha dato negli ultimi anni. “A detta del sindaco e di altre persone” – ha aggiunto Desiato – “il campo di San Nicola si doveva presentare per la prossima stagione calcistica in erba sintetica. Avevo chiesto al primo cittadino a gennaio di presentare un bando per vedere chi avrebbe potuto far tale cosa sia per il bene dei sannicolesi che di chi fa calcio a San Nicola. Avevo chiesto di farlo a gennaio perché non ci sarebbero stati i tempi per fare la struttura. Ad oggi non si sa niente sul bando. Chiedevo il sintetico per tutti i sannicolesi”. Il Presidente della Vis, che da anni vive a San Nicola, avrebbe dovuto sapere che all’indomani della vittoria elettorale, il Sindaco Delli Paoli denunziò pubblicamente di aver ereditato un comune pieno di debiti, tanto è verto che i pensionati sannicolesi l’anno scorso non potettero fruire del cosiddetto soggiorno elioterapico. È pur vero, obietterà qualcuno, che subito dopo l’insediamento Delli Paoli assegnò un incarico di 10.000 euro, per sei mesi, all’ex titolare dall’assessorato alle Finanze durante la consiliatura Pascariello. che negli stessi giorni si dotò di un “vigilantes” per controllare chi entrava nella casa comunale, incarico rinnovato anche per i primi sei mesi di quest’anno, e tutto lascia presagire che sarà così anche per il restante 2012. Il sindaco Delli Paoli, causa il buco di bilancio, ha dovuto fare ricorso ad un accordo con tutti gli avvocati esterni che vantavano complessivamente circa 500.000 euro dall’amministrazione comunale affinché tali debiti sarebbero stati onorati “a rate”. Però, nonostante tutto ciò, si sono fatte spese, che la opposizione ha giudicato esagerate, per il cambio dell’ufficio del sindaco, che è stato traslocato in un’altra parte della casa comunale e per il rinnovo di tutti gli arredi. Ufficialmente non si conosce la cifra che è stata spesa, ma, sempre dalle opposizioni, si vocifera che siano stati spesi circa 70.000 euro. Con un comune che ha un buco nei conti e con le spese sostenute, il Presidente Desiato non poteva non saper che, forse, non c’erano abbastanza soldi per onorare le promesse fatte. “Avevo presentato al sindaco la mia proposta” – ha tenuto a sottolineare Desiato – “con due campi di calcetto, uno di calciotto e uno di calcio in erba sintetica per dare la possibilità a quanti più ragazzini di giocare nel sintetico con la squadra del proprio paese. Non mi è stato permesso e non so perché. Spero che il sindaco in persona mi dia una risposta. Se avessi vinto questa gara col sintetico di ultima generazione, si sarebbe incrementato il commercio contando su campi come Cesena e Mantova. Quando le 4 società di San Nicola si sono recate al Comune abbiamo raggiunto l'ok per questa situazione” – ha proseguito – “L'assessore allo sport Palumbo e l'ingegnere Vallone avevano chiesto chi fosse la persona che si poteva accollare questa situazione. Ho risposto di sì affermando di poter prendere in gestione la struttura con l'intenzione di metterla a disposizione dei sannicolesi. Per una volta a settimana il campo sarebbe stato messo a disposizione del Comune. Qualcuno ha riferito a persone del consiglio cose diverse dalla realtà. Chiedo di verificare col diretto interessato le cose. Ognuno per gelosia o invidia può dire qualunque cosa. Sono rimasto deluso da tutti e tutto. Abbandono il calcio. Lascio la prima squadra ed il settore giovanile. Ho delle richieste per l'acquisizione del titolo sportivo, ma non aggiungo altro per rispetto dei nostri sportivi. Un grazie a tutti i miei collaboratori” – ha concluso Desiato – “che hanno sofferto e gioito per la squadra. Un grazie a tutti i tifosi, a tutta la squadra, a tutta l'amministrazione comunale, a tutti i cittadini sannicolesi”. Insomma, la coalizione di centrodestra ha fatto “harakiri”, inimicandosi migliaia di tifosi, tutti possibili elettori, ma, soprattutto, ha dato una dimostrazione di non saper programmare per tempo gli obiettivi da raggiungere, affidandosi, purtroppo, ad una pletora di classe dirigente assolutamente non all’altezza che occupano certi posti in virtù solo del numero di consensi che hanno portato alla causa.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI