Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 22 Gennaio 2021

Castel Morrone - Il Consiglio Comunale conferma l’adesione al Patto dei Sindaci

Il Consiglio Comunale, nella seduta dello scorso venerdì ha approvato l’adesione al cosiddetto “Patto dei Sindaci”, con il voto contrario della minoranza consiliare. Il “Patto dei Sindaci” è un progetto promosso dall’Unione Europea e sviluppato sul territorio provinciale dall’Ente di Corso Trieste, che mira a ridurre del 20%, entro il 2020, le emissioni di anidride carbonica. A tal proposito il primo cittadino Pietro Riello ha affermato che “…Partendo dall'impegno politico del Sindaco che sottoscrive il Patto dei Sindaci, le città ed i paesi coinvolti in questo progetto investono in un programma ambizioso di azioni locali per l'energia sostenibile. Si adoperano per dare ai propri cittadini migliori condizioni di vita, avvantaggiare l'economia locale e creare così nuovi posti di lavoro. I fondi strutturali, messi a disposizione dalla Comunità Europea, devono svolgere un ruolo importante, ma non essenziale, nell'agevolare lo sviluppo delle energie sostenibili a livello locale” – ha proseguito il sindaco morronese – “l’Amministrazione Comunale di Castel Morrone ha ben chiare le idee e le progettualità su cui lavorerà nell’immediato futuro, si partirà con l’utilizzo dell’energia fotovoltaica, è infatti allo studio la possibilità di realizzare dei campi fotovoltaici sugli edifici comunali, scuole e palestra, si passerà poi alla conversione della pubblica illuminazione dall’attuale forma a vapori di sodio a quella moderna dei led, ma non solo, l’adesione al Patto dei Sindaci ci darà la possibilità di redigere il PAES ossia il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile uno strumento chiave volto a dimostrare in che modo l'Amministrazione Comunale intenderà raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni di anidride carbonica entro il 2020, uno strumento – termina Pietro Riello – che includerà azioni concernenti sia il settore pubblico sia quello privato”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI