Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 07 Marzo 2021

Casagiove - Si è svolto nella ex caserma De Martino, il convegno sui rifiuti organizzato dal PD

Si è svolto ieri pomeriggio, con inizio alle ore 17.00, presso la Sala Convegni della ex Caserma De Martino, il convegno dal tema: “Nuovi stili di vita e nuove tecnologie per  ridurre e valorizzare i rifiuti. Vie nuove per restituire benessere all’ambiente e combattere la crisi”, organizzato dalla locale sezione del Partito Democratico. L’evento è stato presieduto e coordinato da Annasilvia D’Amelio, mentre ad introdurre i relatori ci ha pensato  Giuseppe Carlo Comes. Relatori del convegno sono stati professori e dirigenti d’azienda molto noti come: il Prof. Nicola Sannolo, Ordinario di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale della Facoltà di Medicina e chirurgia della Seconda Università degli Studi di Napoli, il Prof. Antonio Malorni della Facoltà di Scienze della Seconda Università degli Studi di Napoli, già Dirigente di Ricerca del CNR e Direttore dell’Istituto dell’Alimentazione, il biologo Vladimiro Natale, l’ingegnere Giuseppe Luchena, l’aziendalista Nicola Di Giacomo, ed il sindacalista Benedetto Albanese. I rifiuti, tutti i rifiuti, prodotti in Provincia, in uno con quelli importati dal nord dalle camorre, rimangono un problema che produce effetti devastanti e si destina a permanere nel tempo. Carrozzoni ingovernabili, tecnologie arretrate e superate, scarso coinvolgimento delle persone, sensibilità inadeguate per garantire la difesa dell’ambiente, qui particolarmente devastato, nonché altissimi costi scaricati sulla comunità richiedono un’attenzione che la politica, in grave crisi di rappresentanza e non per caso, non riesce a destinare. La commistione antica tra affari, camorre e politica ha creato incrostazioni dure da eliminare e nonostante fallimenti clamorosi non si avvertono segnali di inversione di tendenza. L’evento di ieri ha approfondito i temi aperti e lo ha fatto con esperti di altissima competenza scientifica ed ha posto a disposizione della comunità informazioni e spunti di riflessione che aiuteranno la collettiva crescita delle conoscenze specifiche e la partecipazione dei cittadini alle scelte e al controllo. È indispensabile, senza alcun altro ritardo, ricondurre il ciclo dei rifiuti al più rigoroso rispetto dell’ambiente e del principio dell’efficienza e del risparmio. Esistono tecnologie, presentate nel convegno, che sono in grado di produrre guadagno, là dove oggi si producono solo costi crescenti a danno dei cittadini. Il Convegno ha lanciato la parola d’ordine di impianti piccoli destinati a servire singoli comuni o piccole unioni degli stessi. Impianti che trattano, differenziano e riciclano, senza emissioni in atmosfera e capaci di trasformare in energia parte dei rifiuti.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI