Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 15 Aprile 2021

Agevolare il cittadino per evitare l'evasione fiscale

Ormai è cosa risaputa che le famiglie Italiane non riescono ad arrivare alla terza settimana del mese, pressati sempre più da tante tasse inique, che incatenano la nostra vita e bloccano l’economia del Paese."
Lo afferma in una nota Paride Amoroso, coordinatore Provinciale di Grande Sud Caserta.
"La ripresa economica Italiana - aggiunge Amoroso - non ha bisogno di manovre né tantomeno di retate una tantum. Il vero motore che può riaccendere l’economia del nostro Paese e, come naturale conseguenza, portare serenità economica alle famiglie sono le riforme strutturali. Tra queste la prima, volano delle altre,  è quella delle tasse. La giusta direzione della indispensabile e drastiche diminuzioni della spesa pubblica, il cui peso non appare assolutamente commisurato al servizio reso al cittadino su cui grava in maniera strozzinesca, nonché la lotta all’evasione e alla corruzione che, ad oggi appaiono fenomeni di dimensione europea, costituiscono delle ramificazioni alla prioritaria riforma del sistema tributario tanto su un piano industriale/commerciale, ad ogni livello, quanto su un piano di progressione e gradualità delle economia domestiche.
Il concetto e l’iniziativa appaiono però sconosciuti anche ai tecnici del governo Monti, ai professori che un mese fa ci hanno rassicurato che il deficit di democrazia sarebbe stato magicamente compensato dall’efficienza della loro manovra. Una manovra che, però, ha costituito una semplice sterzata verso la strade dell’aumento o dell’introduzione di nuove tassazioni. Dalla benzina, ovvero sulle spalle degli autotrasportatori e dei pendolari,  alle prime case, realizzate con tanti sacrifici e con mutui cui, oggi, i giovani non possono neanche più ambire, ai conti correnti italiani che non riguardano chi, i propri soldi li ha depositati in lontani paradisi.
Ormai è inutile – continua ancora Amoruso -  anche prendersela con Equitalia. Le manifestazioni terroristiche che l’hanno vista oggetto di attacchi, non solo vanno condannate senza se e senza ma, ma anche gli attacchi verbali non senso nei confronti di una struttura che ha solo la funzione di dare pratica attuazione a una manovra decisa in sede governativa.
Nell’ambito alla lotta  l'evasione – conclude Paride Amoruso - e far respirare i nostri bilanci familiari la soluzione c'è ed è quella che con candida
semplicità è stata adottata da molti di quei Paesi cosiddetti “civili”: la detrazione delle qualsiasi spesa sostenute da ciascun cittadino. Nel momento in cui la nostra cara massaia, che giornalmente ha necessità di confrontare i prezzi del banco della frutta o del pesce o il bambino che con voglia guarda il frigo dei gelati ma non osa chiedere la piccola spesa alla mamma, saranno invogliate a chiedere e conservare ricevute e scontrini per la successiva detrazione e saranno più ben disposte ad effettuare i propri acquisti.
Stabilire una aliquota di detrazione per le spese quotidiane, magari con la previsione di una maggiorazione per l’uso di carte di credito, comporterebbe una maggiore velocità di circolazione della moneta che, come ben noto, aumenterebbe la ricchezza complessiva della nostra Nazione. I benefici influssi farebbero velocemente ben visibili. Io cittadino spendo: taxi, vestiti, ristorante, idraulico e dentista, e detraggo. Le ricevute e le fatture mi servono come il pane, non mi appesantiscono inutilmente le tasche, e le esigerò, altro che nero, perché mi conviene, non solo per un principio morale.  
Il meccanismo appare ancor più semplice se si pensasse semplicemente di estendere il meccanismo di scontrino oggi in uso presso le farmacie. Perché non applicarlo ovunque? In pochi giorni scomparirebbe ogni forma di evasione."

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI