Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 23 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:847 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1477 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1001 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1700 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2458 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1967 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1958 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1908 Crotone

Schiavone (Grande Sud): anche la Chiesa deve pagare l’Ici sugli immobili non adibiti a culto

“La manovra finanziaria approvata dal Professore Mario Monti è una medicina amara che tutti dobbiamo bere per il bene dell’Italia, ma “Grande Sud” a livello parlamentare si sta attivando per una correzione della stessa che, pur mantenendo il saldo finale non penalizzi troppo i lavoratori e gli anziani”. È quanto ha affermato Pierluigi Schiavone, coordinatore cittadino, nonché portavoce provinciale di “Grande Sud” che sta seguendo, da un punto di vista privilegiato – infatti, Schiavone tre/quattro volte alla settimana è a Roma - per seguire i lavori dei parlamentari di Grande Sud. “Ormai la nuova ICI è sempre più reale” – ha aggiunto l’esponente “arancione” – “ed è per questo che avanziamo una proposta fattibile e reale per riformare questa ipotesi. Una proposta concreta potrebbe essere quella di esentare dal pagamento particolare fasce di cittadini aventi un certo reddito. In tal modo si salvaguardano disoccupati, cassa integrati, lavoratori in mobilità, e pensionati, l’abbattimento di 50 euro per ogni figlio a carico fino a 26 anni non rende giustizia alla stragrande maggioranza di italiani che vivono della sola pensione e non hanno più figli a carico. L’alternativa potrebbe essere quella di prevedere che la progressività sia calcolata anche sul valore e sul numero delle proprietà immobiliari: in questo modo si eviterebbe il rischio di agevolare insieme ai meno abbienti anche gli evasori fiscali. Non dimenticando anche gli immobili che fanno capo a Comuni, Province, Regioni e Stato. Altro nodo affrontato dai parlamentari di “Grande Sud” – ha aggiunto Schiavone – “è la questione relativa agli immobili di proprietà dello Stato del Vaticano sui quali dovrebbe pagare l'ICI. Se la pagano le famiglie, l'Ici è una tassa che deve ritornare per tutti. Per questo proponiamo d'introdurre l'Ici sugli immobili della Chiesa, non utilizzati a fini di culto o per scopi sociali, ma sottolineo per attività economiche in diretta concorrenza con i privati. Il Governo è ancora in tempo per coinvolgere la Chiesa chiedendole un gesto di solidarietà. Chiamare la Chiesa al pagamento dell'Ici sugli immobili messi a reddito” – ha concluso Schiavone – “in un momento storico in cui l'Italia rischia il default è un atto di estrema equità e tutti devono essere chiamati a fare dei sacrifici”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI