Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 15 Ottobre 2019

Con Shakespeare partita l…

Ott 11, 2019 Hits:182 Crotone

Cerrelli difende gli abit…

Ott 04, 2019 Hits:461 Crotone

"Assaggiamo la Calab…

Ott 04, 2019 Hits:338 Crotone

Giornata Europea delle Li…

Ott 03, 2019 Hits:376 Crotone

Candelnight, a Scandale l…

Set 25, 2019 Hits:610 Crotone

Vernice, il cd dei "…

Set 23, 2019 Hits:665 Crotone

Volontariato: Crotone pul…

Set 20, 2019 Hits:583 Crotone

Mignano Montelungo - Mignano commemora il 68° anniversario della battaglia DEL RINATO Esercito Italiano

Giovedì 8 dicembre 2011, con inizio alle ore 11.00, nel Sacrario Militare di Mignano Montelungo si celebrerà il 68° Anniversario della Battaglia, organizzato dal Comandante Militare regionale della Campania, Generale di Brigata Guido Landriani. Sarà presente anche il generale Luigi Poli, presidente dell’Associazione Nazionale ex-combattenti della Guerra di Liberazione e le autorità civili, religiose e militari. Mignano fu, nei giorni dall’8 al 16 dicembre 1943, teatro dei primi combattimenti dei reparti regolari italiani nella Guerra di Liberazione contro i tedeschi. Il comune di Mignano Monte Lungo è decorato di medaglia d’oro al valor militare e di medaglia d’oro a valor civile. Da queste balze i soldati italiani, al fianco degli alleati, iniziarono la riconquista del territorio nazionale inquadrati nel 1° Raggruppamento Motorizzato, prima unità regolare costituita dopo l’Armistizio dell’8 settembre 1943. La determinazione con la quale i cinquemila giovani del 1° Raggruppamento Motorizzato, al comando del Generale Dapino, vollero combattere in prima linea è testimonianza della volontà, delle nostre Forze Armate, di partecipazione attivamente alle operazioni per affermare l’onore e la libertà della Patria. Una partecipazione che ha contribuito validamente alla rinascita dell’orgoglio nazionale e che trova le sue radici e la sua ragion d’essere nel desiderio di libertà, di pace, di giustizia e di progresso sociale. Nel quadro delle operazioni per lo sfondamento della "Winter Line" il 1° Raggruppamento venne inserito nello schieramento della 36a divisione statunitense di fanteria. Concentrato nell'area dell'abitato di Mignano, il raggruppamento ricevette gli ordini per la conquista di Monte Lungo. Il piano elaborato dal comando della 36a divisione "Texas" prevedeva un assalto simultaneo, da sinistra verso destra ai monti Maggiore, a cura del 142° reggimento di fanteria statunitense, a Monte Lungo, a cura del 1° Raggruppamento, a S. Pietro infine ed al Monte Sammucro a cura del 143° reggimento fanteria statunitense ed a Quota 950, a destra del Sammucro a cura di un battaglione Ranger anch’esso statunitense. La sera del 7 dicembre i soldati italiani raggiunsero, in autocolonna, il bivio di Presenzano e, di qui, proseguirono a piedi per le basi di partenza. Il mattino dopo, sul campo di battaglia gravava una densa nebbia e appoggiati da un breve tiro di preparazione, coperti prima dall'oscurità e poi dalla nebbia, fanti e bersaglieri superarono di slancio le prime difese nemiche puntando risolutamente sulla quota principale di Monte Lungo. Nel frattempo però le operazioni per i reggimenti statunitensi non andavano assolutamente bene. L'azione dei fanti della 36a "Texas" erano fortemente contrastate sul Monte Maggiore, a destra del Monte Lungo ed a sinistra di questo, sugli accessi per San Pietro Infine, mentre sia il Monte Sammucro che la quota 950, dopo un iniziale successo, erano state rioccupate da un contrattacco tedesco, facendo mancare al saliente centrale costituito dai nostri, ogni copertura sui fianchi. Tale mancanza di copertura sarà pagata a caro prezzo. Quando la nebbia si sarà sollevata, i bersaglieri del LI battaglione, posti a sinistra del dispositivo d'attacco saranno colti d'infilata dal fuoco tedesco predisposto dai fianchi di Monte Maggiore verso il Monte Lungo. Giunti di slancio in cima al Monte Lungo, percorrendo la via di massima pendenza, bersagliati dal fuoco che colpisce sui fianchi, i fanti del 67° reggimento riescono a colpi bombe a mano ad occupare la quota principale di Monte Lungo. Prima però che riescano a sistemarsi a difesa un contrattacco tedesco ricaccia indietro i nostri che sono costretti a ripiegare. Il primo attacco a Monte Lungo, dunque, non era riuscito. Nei giorni successivi vennero diramati gli ordini per la reiterazione dell'attacco. L'operazione, nonostante l'organizzazione minuziosa che prevedeva la caduta degli obiettivi da destra verso sinistra, Q. 950, il Sammucro, San Pietro Infine e quindi il Monte Lungo, andò, a causa della resistenza tedesca, esattamente al contrario. L'occupazione di Monte Maggiore e di Monte Lungo, minacciando di tagliare le vie di collegamento del nemico, scardinò definitivamente lo schieramento tedesco che resisteva, senza dare il minimo segno di cedimento, alla pressione alleata nel settore di San Pietro Infine. Alle ore 9,15 del 16 dicembre fanti e bersaglieri italiani, preceduti da 45 minuti di preparazione della nostra artiglieria, ripartirono all'attacco del monte, questa volta con le spalle coperte dal 142° reggimento statunitense che aveva occupato il Monte Maggiore. Il nemico, minacciato di fronte e di fianco, fu costretto al ripiegamento: alle ore 12,30 la vetta era definitivamente in mano italiana. La Bandiera italiana e quella americana sventolarono, per la prima volta unite, sulla cima del monte conquistato, a conclusione di cruenti combattimenti che costarono 79 morti e 89 feriti. Nel Sacrario sono raccolte le salme di 974 caduti provenienti dai vari cimiteri di guerra, sparsi lungo tutta la penisola. Alla cerimonia saranno presenti le Bandiere di Guerra di numerose unità che parteciparono alla gloriosa battaglia, nonché i Gonfaloni delle città di Bellona, Caserta, Cassino, Conca della Campania, Frosinone, Galluccio, Livorno, Mignano, Napoli, Piombino, Presenzano, Roccadevandro, Roccaromana, San Nicola la Strada, Santa Maria Capua Vetere, San Pietro Infine, San Vittore del Lazio, Terni, Tora e Piccilli con Vairano Patenora.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI