Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 01 Ottobre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:610 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1319 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2059 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1584 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1567 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1529 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1808 Crotone

San Giorgio a Cremano - Il Generale Castellano prova la Divisione Acqui nell'esercitazione denominata “Mole Pit 2011”

La Divisione “Acqui”, di stanza presso la Caserma “Cavalleri” di San Giorgio a Cremano, sede del 2° Comando delle Forze Operative di Difesa dell’Esercito Italiano per il Centro Sud Italia e le Isole, nel periodo dal 3 al 14 ottobre prossimo, svolgerà l’Esercitazione “Mole Pit 2011”, presso il comprensorio militare di Persano. L'Acqui, attualmente agli ordini del Generale di Divisione (paracadutista) Rosario Castellano di Castellammare di Stabia, annualmente svolge attività addestrative ed esercitative per mantenere elevati gli standard di efficienza, sia quale Comando Divisione a livello tattico (ambito nazionale e NATO), sia quale Comando della Forza a livello operativo in ambito nazionale ed europeo. Durante l'esercitazione Mole Pit 11, la Divisione conseguirà la Interim Operational Capability quale Comando della Forza in ambito nazionale. Durante tale attività, il Comando divisionario sarà potenziato con reparti provenienti anche delle altre F.A.. Inoltre, la Divisione si avvarrà, quali Comandi dipendenti, delle cellule di risposta ubicate presso i rispettivi Comandi di Componente (CINCNAV, Squadra Aerea, Divisione Mantova, COFS e Comando Logistico di Proiezione). Il team di validatori, invece, sarà principalmente costituito da rappresentanti dell ITA NRDC. In totale, saranno circa 500 i militari interessati all'esercitazione vera e propria, di cui l'80% dell'Esercito Italiano. L'esercitazione consentirà alle Divisioni dell'EI di interfacciarsi tra di loro, anche se con ruoli diversificati. La “Mole Pit 2011” rappresenta un'importante momento addestrativo, necessario per testare le effettive capacità di direzione e condotta di una Operazione europea, interforze e Land Oriented, per la risoluzione di una crisi. Ancorché l'ambito esercitativo abbia una connotazione spiccatamente europea, fanno sapere dal comando di divisione, è possibile inquadrare l'attività nel contesto dei futuri ambienti operativi (Concetto Operativo 2010-2030 del Capo di SME), ove la Divisione costituisce una fondamentale pedina che l'Esercito può mettere in campo, per operare efficacemente in situazioni d'impiego diversificate. L'esercitazione vede come area d'impiego un'ipotetica regione geografica del continente africano ove, a seguito di una aggressione, il Consiglio di Sicurezza dell'ONU ha autorizzato l'UE allo schieramento di una Forza, per il ripristino della sicurezza e della stabilità dell'area. La missione assegnata alla Divisione, che guida una Task Force europea, trae spunto da un quadro più generale di instabilità regionale, caratterizzato, per l'appunto, da una esasperata crisi economica e dalla ricerca, da parte di un Paese, di nuovi sbocchi sul mare.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI