Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 06 Agosto 2020

Sessa Aurunca - Resistenze del comune per rievocazione del 17 settembre sui fatti che videro protagonisti i Borboni

L’Associazione ambientalista Terra Nostra ed il Cristina Club hanno invitato le associazioni storiche, culturali e d'arme, nonché la cittadinanza tutta, a commemorare i fatti relativi al 1861 e svoltisi sul fiume Garigliano al fine di ricordare, il prossimo 17 settembre, la storia del popolo meridionale defraudato di tutti i suoi beni da parte dei savoiardi e tutti i caduti, nessuno escluso. “Purtroppo” - ha affermato Pasquale Costagliola, presidente dell'associazione “Terra Nostra”, che sta portando avanti l'iniziativa che racconti la verità storica dei fatti e non quella scritta negli ultimi 150 anni dai piemontesi - “in merito all'incontro del 17 settembre prossimo a Baia Domizia, nonostante le resistenze del comune di Sessa Aurunca, interessato solo ed unicamente ad una bolsa manifestazione retorica e per molti versi antimeridionale, gruppi ed associazioni identitarie vogliono testimoniare il loro attaccamento alla memoria dei fatti ed alle tradizioni tradite. A Sessa come se niente fosse successo sia nel passato che nel presente” - ha sottolineato Costagliola - “si continua a fare retorica, con improbabili murales e fanfare di un tempo che fu. Oggi è invece fondamentale riscoprire l'orgoglio e la storia della nostra terra. Per questo si chiamano al Raduno del prossimo 17 settembre a Baia Domizia, tutti i movimenti identitari per ricordare la battaglia sul Garigliano. In particolare” - ha concluso Costagliola - “per commemorare la resistenza dei cacciatori borbonici sul ponte S.Ferdinando. Quello del 17 è un incontro sollecitato e coordinato dal Comitato delle Due Sicilie di Fiore Marro, presidente nazionale, per ricordare alle generazioni a venire le tradizioni di valore militare e per fare risorgere l'antico orgoglio”. “Pensare a commemorazioni di parte” – gli fa eco il patron del Cristina Club, Nino De Cristofaro – “come se un protagonista della vicenda non esistesse, significa tradire la storia. Un tradimento doppio se viene perpetrato alle latitudini meridionali. Nessuna revanche del passato” – ha sottolineato – “ma nemmeno l'oblio ottuso può tenere banco, escludendo dal ricordo migliaia di uomini che vestirono l'uniforme dei perdenti ed issarono bandiere perdute”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI