Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 21 Settembre 2021

Santa Severina - Il trio …

Set 10, 2021 Hits:798 Crotone

Le Colonne d’Oro di Affid…

Ago 02, 2021 Hits:2618 Crotone

Maslow: non sapevo di ess…

Lug 13, 2021 Hits:2191 Crotone

Al Ministro Franceschini …

Lug 05, 2021 Hits:2130 Crotone

A Santa Severina Chopin e…

Giu 25, 2021 Hits:1723 Crotone

Michele Affidato insignit…

Giu 25, 2021 Hits:1350 Crotone

Scaramuzza: concluso un p…

Giu 25, 2021 Hits:1261 Crotone

Scaramuzza: si è svolto a…

Giu 19, 2021 Hits:1513 Crotone

Cellole - Turismo, qualcosa si muove grazie all'imprenditore casertano De Cristofaro

Qualcosa si muove sulla costa Domizia ed era ora, dopo anni di semina dell’associazione Capodiferro e del Cristina Club. Sodalizi, questi, che fanno capo a Gaetano De Cristofaro, infaticabile fucina di idee per il territorio. Il patron del Park Hotel da sempre è promotore di iniziative per la valorizzazione della costa. Da anni insegue solitario il progetto di vasto respiro ambientalista dell’area marina protetta . Un piano in verità incubato ed in via di realizzazione sul versante laziale. L’obiettivo della proposta caldeggiata dal presidente del Cristina Club sarebbe di accomunare le due sponde del golfo di Gaeta in una area protetta. Le caratteristiche naturali ci sono tutte, pineta, dune, spiaggia senza parlare di un entroterra fatto di storia ed arte. De Cristofaro le ha provate in ogni maniera per far da sponda a questo progetto bipartisan dei cugini d’oltre Garigliano. “Abbiamo parlato, io e Costagliola di Terra Nostra” - ha affermato De Crisotfaro - “con il presidente della provincia, il presidente del consiglio regionale, con consiglieri regionali del nostro “comprensorio”, con autorità e istituzioni locali, ma con scarsi risultati, usando un eufemismo.” A quanto pare v’è poca attenzione per una costa che produce ancora entrate economiche per una provincia martoriata dalla crisi. Ma De Cristofaro ha anche la passione per la storia e cerca di introdurre un turismo delle rievocazioni. Da tempo, infatti, insegue il sogno di realizzare degli eventi che ricostruiscano le battaglie svoltesi intorno al fiume che divide Lazio e Campania. Oggi sta per realizzarsi, in parte, il progetto di coinvolgere i paesi rivieraschi in una manifestazione che ripercorre gli avvenimenti del 1861. “Anche in questo caso gli ostacoli sono tanti” - ha aggiunto De Cristofaro - “ma speriamo per il 17 di settembre di inaugurare delle manifestazioni a vario livello che mostrino come la Storia sia passata intorno al Garigliano”. De Cristofaro infatti sta portando figuranti e comparse in uniforme dell’epoca con l’intento di ricostruire un pezzo sanguinoso della nostra storia patria senza enfasi di parte. “Il nostro progetto sta trovando adesione nel comune di Sessa Aurunca e Cellole” - ha concluso - “Grazie alla sensibilità degli amministratori locali potrebbe avviarsi un primo progetto di rivalutazione storico culturale a cui vorremmo farne seguire degli altri.” De Cristofaro pensa ad un prossimo grande raduno dei veterani che si batterono sulla Linea Gustav, nella seconda guerra mondiale. Un raduno con centro a Baia Domizia ma questa è la prossima storia.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI