San Nicola La Strada - La Sinistra (Fds-Sel) va all'attacco del comune e chiede la pulizia dei tombini per evitare futuri allagamenti

Secondo i meteorologi, questa sarà un'estate caratterizzata da giornate ad alta temperatura e da improvvivi rovesci temporaleschi come quello che circa due settimane orsono fu causa dell'allagamento di alcune strade principali del centro storico e salvataggi, da parte della protezione civile di San Nicola La Strada, di automobilisti e bambini rimasti intrappolati nell'acqua alta. Come denunciammo anche dalle pagine del nostro quotidiano, gli allagamenti sono dovuti, in massima parte, dalle caditoie otturate. La mancata manutenzione dei tombini è stata l'occasione per “La Sinistra”, formazione politica composta da Rifondazione, comunisti italiani e sinistra ecologia e libertà, che sono andati all'attacco dell'amministrazione comunale sannicolese eletta un mese fa. “Altra pioggia, altro allagamento in tempo reale” - si legge in una nota fatta pervenire ai media da La Sinistra - “dopo circa 15 minuti di pioggia, alcune strade di San Nicola la Strada si allagano. Rivolgiamo un appello all'amministrazione affinchè si puliscano i tombini otturati da fogliame e quant'altro. La Sinistra di San Nicola la Strada vuole che la macchina amministrativa si muova il più presto possibile per far fronte ai problemi della città. Infatti” - prosegue la nota - “con il nostro rappresentante in Consiglio Comunale, Pasquale Panico, nella riunione tenutasi lunedì scorso, 20 giugno, per l'insediamento delle commissioni consiliare, abbiamo affrettato le operazioni di ratifica delle stesse mentre il Pdl con il suo capogruppo (il consigliere Domenico Sortino, ndr.) voleva rimandare la seduta, in nome di un non accordo sui Presidenti. Dopo una breve riunione la maggioranza, rotti gli indugi decideva i Presidenti delle commissioni concedendo anche al Pd, oltre la presidenza della commissione garanzia e controllo (per legge alla minoranza) un'altra commissione, fortemente voluta e chiesta dallo stesso Pd, in perfetta non coerenza sulla posizione presa sul presidente del consiglio e del vice presidente e sulle dichiarazioni riportate dai giornali locali nei giorni scorsi”.

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI