Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 16 Ottobre 2021

Castel Morrone - Affollatissimo comizio alla frazione Balzi del candidato sindaco Di Lorenzo

Continuano le manifestazioni pubbliche della lista Unione Civica, il cui candidato sindaco è l’avvocato Andrea Di Lorenzo. Per una sorta di effetto valanga ogni occasione è sempre più affollata della precedente. Nonostante il clima ancora invernale, una folla di persone ha partecipato con entusiasmo ed attenzione al comizio che si è tenuto giovedì sera alla frazione Balzi. Il primo dei candidati ad intervenire è stato Massimo Palmieri. L’intervento ha voluto dimostrare come il programma di Rinascita Morronese sia il classico programma di una politica asservita agli affari, che brucia solo risorse a favore del guadagno di pochi e toglie il futuro ai giovani. Il programma dell’Unione Civica, invece, è semplice e realizzabile ed è basato su un’innovazione che sia anche rispettosa dei valori ambientali e culturali dei Morronesi e sia, quindi, di qualità.  A seguire, Giuseppe Minutillo, rappresentante del mondo giovanile che sostiene il movimento, ha raccontato alla folla di come la modernità delle idee risieda soprattutto nella cultura giovanile, evoluta e ormai cosmopolita, ispirata alle competenze e ai saperi e non all’occupazione statica dei posti di potere.  Aniello Riello, già sindaco del paese per ben nove anni, ha svolto poi un intervento ricco di spunti e di idee per soluzioni concrete al servizio della comunità. Con dati e fatti ha poi dimostrato come l’attuale Amministrazione durante il suo mandato abbia impoverito il paese ed abbia favorito una specie di occupazione dell’apparato comunale da parte di professionalità e interessi forestieri.  La serata è stata chiusa dal candidato sindaco Andrea Di Lorenzo che ha esordito difendendosi da un inconcludente attacco personale portato mediante calunnie da anonimi vigliacchi. Ha poi illustrato in dettaglio una serie di misfatti amministrativi perpetrati dall’amministrazione uscente. Alla fine, come ormai sembra essere di rito, ha sollecitato ancora una volta il sindaco uscente Pietro Riello ad accettare il confronto pubblico che gli va proponendo inutilmente dall’inizio della campagna elettorale.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI