Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 27 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:975 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1538 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1062 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1764 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2523 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:2027 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:2018 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1968 Crotone

Alla libreria Feltrinelli presentato il libro “Terrorismo e Dignità Umana”

Sabato scorso, con inizio alle ore 17.30, presso la libreria Feltrinelli sita al Corso Trieste, è stato presentato il libro dal titolo “Terrorismo e Dignità Umana”, con la presenza e la partecipazione degli autori: Vincenzo De Rosa, Romolo Capuano, Marinella Carotenuto, Maria Gabriella De Santis, Luigi Iannone, Giovanna Landolfi, Giovanni Saladino. Ne hanno discusso con gli autori: Gerardo Del Prete, Francesca D’Errico, Antonio Magliulo, Carlo Minganti e i musicisti Erennio Natale, Michele Tartaglione, Gianrolando Scaringi.  “L’11 settembre 2001 è una data simbolo: ha alterato la vita di un intero pianeta ed ha avviato un conflitto che potremmo definire Guerra Globale. Ha avuto inizio non solo uno scontro fisico ma anche sociale, psicologico, mentale estenuante in cui si colpisce a morte qualsiasi cittadino macchiato della colpa di esistere. Guerre tra soldati, eserciti, bombe che colpiscono civili: donne, uomini, bambini; dove nessuno può rivendicare il proprio diritto all’esistenza. La dignità umana va salvaguardata e non è giustificabile l’attentato a un grattacielo, a un aereo, a una metropolitana o a un treno come altrettanto è ingiustificabile la seleziona mirata senza un pubblico processo. L’elemento concettuale su cui riflettere è rappresentato in generale dalla cultura poiché spesso ci si lascia condizionare o, peggio, distrarre dalle definizioni di problemi o di dettagli capaci di non disgiungere la cultura dalla natura degli esseri umani. In tal modo non si riesce a capire quanto dell’avversità nutrita per le varie forme di diversità fisica o culturale di qualcuno sia fenomeno di proiezione del proprio Io e quanto sia, invece, da addebitare, a torto o a ragione, alla comunicazione mediatica… Questo è un momento importante per capire gli altri in quanto troppo spesso non si è disponibili non soltanto ad accogliere l’altro da sé, ma neppure a riconoscerlo come essere portatore di dignità umana”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI