Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 21 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:789 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1449 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:974 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1676 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2431 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1944 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1931 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1885 Crotone

Castel Morrone - Comunali 2011, Di Lorenzo (Unione civica), comune verso il dissesto finanziario

L’Unione Civica, il movimento che si candida alla guida del paese alle prossime elezioni comunali, denuncia lo stato di dissesto finanziario del Comune procurato dall’incuria e dalle politiche disastrose dell’Amministrazione uscente. “Essa” - si legge in un comunicato diffuso ai media - “è riuscita in quella che è una vera impresa negativa: ha incrementato drammaticamente l’indebitamento del Comune pur aumentando la pressione impositiva ed il costo dei servizi”. Andrea Di Lorenzo, candidato sindaco dell’Unione, ha analizzato il rendiconto dell’esercizio economico del 2009 e lancia un preoccupato allarme: “Il rendiconto economico 2009” - ha affermato - “certifica un disavanzo di amministrazione di ben 746.151,52 euro. Questo buco, di dimensioni enormi se rapportato alla capacità economica del nostro Comune, oltre a trovare la sua giustificazione nel grande regalo che i nostri amministratori hanno fatto alla società di riscossione ex San Giorgio, chiudendo entrambi gli occhi per ben sette mesi sulle sue inadempienze, è il frutto di una politica incapace e dannosa nei confronti dei cittadini. Dalla documentazione contabile” - ha proseguito - “è chiaro e indiscutibile che per l’anno in questione, oltre alle minori entrate avutesi rispetto a quelle attese nel bilancio di previsione, vi è stata una “allegra” gestione della spesa. E inoltre, nonostante un aumento dei trasferimenti al Comune da parte dello Stato, gli Amministratori hanno ritenuto di dover tartassare ulteriormente i Morronesi aumentando l’addizionale comunale all’IRPEF, portandola al massimo dell’aliquota consentita dalla legge, e della TARSU, che ha raggiunto livelli altissimi se paragonata a quella dei comuni limitrofi. È sempre più evidente che questi amministratori” - ha, infine concluso - “non operano negli interessi dei cittadini, ma nella totale indifferenza per i problemi del paese, inseguono le loro clientele ed i loro minuti interessi di bottega. Se essi dovessero continuare a stare alla guida del paese, ormai prigionieri della loro stessa rete di interessi e della loro incapacità a comprendere le esigenze dei cittadini, le cose per noi Morronesi andranno sempre peggio”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI