Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 21 Gennaio 2022

San Nicola La Strada - Caiazza, oggi si celebra giornata mondiale dell'acqua, al referendum votiamo contro privatizzazione dell'acqua

Si celebra oggi la Giornata mondiale dell'acqua. Un'iniziativa delle Nazioni Unite, nata nel 1992 alla Conferenza su Ambiente e Sviluppo di Rio de Janeiro, per la preservazione e l'uso responsabile di questo bene naturale. In Italia, l'edizione 2011 della Giornata mondiale dell'acqua, arriva nel pieno del dibattito sul referendum relativo ai quesiti abrogativi su alcune norme sulla gestione privata dell'oro blu. “La giornata celebrativa dell'acqua pubblica” - ha affermato Luciano Caiazza, funzionario Anas e dirigente nazionale della Cisas - “non è vuota retorica, ma vuole affermare l'irrinunciabilità di tutti gli essere viventi a godere di una bene inalienabile. "L'acqua" - ha aggiunto Caiazza, che si dice pronto a scendere in campo alle prossime elezioni amministrative - "è un bene dell’Umanità, un bene comune, un diritto universale ed è un diritto alla vita. Nessuno può pensare a privatizzare un simile bene che diventerebbe accessibile solo a chi ha i soldi per e, pertanto, va invece conservato per le future generazioni. Essa è un diritto non una merce. L’acqua” – ha proseguito – “è una risorsa naturale limitata ma allo stesso tempo è anche un bene pubblico essenziale per la vita e la salute. Il diritto dell’uomo ad avere libero accesso all’acqua potabile è indispensabile per condurre una esistenza degna. L’acqua, la sua infrastruttura ed il suo servizio devono stare al servizio di tutti. Senza acqua" - ha sottolineato - "né uomo, ma nessuna forma vivente può esistere. Per questo motivo a giugno dobbiamo votare contro la privatizzazione dell'acqua. Sono due i quesiti da votare. Con il primo si chiede l'eliminazione dell'articolo 23 bis della legge 133/2008 (nota come “decreto Ronchi”), relativo alla privatizzazione dei servizi pubblici di rilevanza economica. Una norma che stabilisce come modalità ordinarie di gestione del servizio idrico l'affidamento a soggetti privati attraverso gara o l'affidamento a società a capitale misto pubblico-privato, all'interno delle quali il privato detenga almeno il 40%. Un processo da attuare entro il dicembre 2011 e con il quale si eliminano le società a totale capitale pubblico. Si prosegue poi con altre regole al 2013 e al 2015. Con il secondo quesito referendario” - prosegue Caiazza - “si propone, invece, l'abrogazione dell'articolo 154 del Decreto Legislativo 152/2006 (il cosiddetto Codice dell'Ambiente), limitatamente a quella parte del comma 1 in base alla quale la tariffa per il servizio idrico è determinata tenendo conto dell"adeguatezza della remunerazione del capitale investito, che consente cioé al gestore di ricavare parte dei propri profitti dalla bolletta dei cittadini”. Oltre alle norme oggetto della consultazione referendaria, un altro processo in atto è quello avviato con legge 42/2010, che sancisce la soppressione degli Ato (Ambiti territoriali ottimali) entro il dicembre 2011, data entro cui le Regioni dovranno individuare nuovi enti che sostituiscano quelli aboliti.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI