Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 17 Gennaio 2021

San Nicola La Strada - Comunali 2011, Motta (Fds), i parcheggi sono contro i cittadini ed a favore solo di qualcuno

“Con le lottizzazioni concesse negli ultimi 10 anni di malgoverno di centro-destra, la città è stata proiettata ad un esponenziale aumento demografico, che sta comportando e amplificando tutta una serie di problematiche già sull’orlo di un collasso”. È quanto ha denunziato Salvatore MOTTA, portavoce FdS-PdCI, candidato a consigliere comunale. “Servizi insufficienti, fogne non recettive, strutture scolastiche, sportive e verde attrezzato del tutto carenti, ma soprattutto” - ha aggiunto - “un traffico veicolare congestionato. Il centro della città già in passato ha dovuto subire delle modifiche per decongestionare il traffico. In alcuni casi, considerata la esigua larghezza della strada (alcune meno di 4 m. e senza marciapiedi per i pedoni), si è stati costretti ad istituire i divieti di sosta, per impedire che qualche veicolo di sagoma leggermente più grande del normale bloccasse il regolare flusso veicolare o potesse creare seri problemi ai pedoni. La ciliegina sulla torta” - ha proseguito Motta - “l’ultimo colpo di coda di questo malgoverno locale è stata l’istituzione dei parcheggi a pagamento sulle strade cittadine. Questo è solo un tentativo squallido per introitare ulteriori soldi per quadrare i bilanci delle casse comunali miserevolmente depauperate, e  per allettare i pochi e nuovi posti di lavori da spendere e spandere per tanti nelle prossime elezioni amministrative. E dove dovrebbero venire i nuovi parcheggi?” - si domanda Motta - “In Piazza Santa Maria della Pietà, Largo Perugia, Via Perugia, Viale Italia, Largo Matilde Serao, Parco Speranzas, Via Fermi, Viale Europa, Via XX Settembre, Corso De Gasperi, Via Santa Croce, Via L. Da Vinci, Via Paul Harris, Piazza Municipio, Piazza Parrocchia e zona antistante il Cimitero. C'è da sottolineare” - denunzia l'esponente di sinistra - “che le scelte di questi parcheggi a pagamento nelle aree individuate vanno contro precise norme di legge. Il Codice della Strada (Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285) definisce all’art. 3 che la carreggiata è la parte della strada destinata allo scorrimento dei veicoli ed è composta da una o più corsie di marcia ed, in genere, è pavimentata e delimitata da strisce di margine (comma 7), mentre il parcheggio è l’area o infrastruttura posta fuori della carreggiata, destinata alla sosta regolamentata o non dei veicoli (comma 34). Inoltre, anche l’articolo 7 del C.d.S. recita che nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco, stabilire aree nelle quali è autorizzato il parcheggio dei veicoli (comma 1 lettera e), e, previa deliberazione della giunta, stabilire aree destinate al parcheggio sulle quali la sosta dei veicoli è subordinata al pagamento di una somma da riscuotere mediante dispositivi di controllo di durata della sosta, anche senza custodia del veicolo, fissando le relative condizioni e tariffe (comma 1 lettera f). Lo stesso articolo recita anche che i proventi dei parcheggi a pagamento, in quanto spettanti agli enti proprietari della strada, sono destinati alla installazione, costruzione e gestione di parcheggi in superficie, sopraelevati o sotterranei, e al loro miglioramento e le somme eventualmente eccedenti ad interventi per migliorare la mobilità urbana (comma 7), - quindi non per quadrare i bilanci, - e che, qualora il comune assuma l'esercizio diretto del parcheggio con custodia o lo dia in concessione ovvero disponga l'installazione dei dispositivi di controllo di durata della sosta di cui al comma 1, lettera f), su parte della stessa area o su altra parte nelle immediate vicinanze, deve riservare un’adeguata (congrua) area destinata a parcheggio rispettivamente senza custodia o senza dispositivi di controllo di durata della sosta (comma 8). L’inadeguatezza di siffatti parcheggi, illegali, è stata ribadita anche in una puntata televisiva delle Iene (Italia 1) del 23.02.2011. Pertanto” - sottolinea Motta - “alla luce di quanto detto, va subito revocato il bando di gara di affidamento dei parcheggi, perché individuati sulle strade e nelle piazze (e non in apposite aree). Hanno previsto parcheggi illegali. La comunità sannicolese, poi, negli anni ha già pagato un dazio oneroso, come quello di vedersi sottrarre grosse aree verdi a scapito del cemento speculativo. Varianti al P.R.G. “amichevoli” hanno comportato cambi di destinazione di aree verdi e/o di pubblica utilità in zone commerciali, e monetizzazioni da fame hanno svenduto suoli pubblici a favore di privati. È ora di attuare una politica risarcitoria. Si realizzi un progetto serio e di grande civiltà, come potrebbe essere la destinazione delle ex cave di estrazione del tufo di Via SS. Cosma e Damiano e di Via Appia a parcheggi liberi a piani interrati e le aree soprastanti in parte a verde attrezzato ed in parte ad esercizi commerciali. Si ridia il centro storico ai cittadini, lo si renda libero dai veicoli (area ciclo/pedonale), lo si trasformi in un luogo di incontro e gradevole alle famiglie, si rivitalizzi  la sua anima. Basta con una città dormitorio, è ora di avere la città che vive”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI