Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 06 Agosto 2020

San Nicola La Strada - Caiazza (Cisas), grande prova di civiltà la legge che equipara i figli legittimi e quelli naturali

I figli so' tutt'eguali, so' piezz 'ecore, faceva dire Eduardo De Filippo a Filumena Marturano nell'omonima commedia del 1946: i figli sono tutti uguali. “Finalmente, dopo 66 anni, quella che sembrava un'utopia sociale del grande drammaturgo e regista napoletano si è avverata. È una legge di grande civiltà e umanità. Un risultato storico capace di eliminare le profonde discriminazioni che esistono ancora nel nostro Paese”. È quanto ha affermato Luciano Caiazza, dirigente della Cisas, all’indomani dell’approvazione, da parte dell’aula della Camera, della legge che equipara i figli legittimi a quelli naturali. “Sono ben 100mila nel nostro Paese” – ha aggiunto il sindacalista – “il 20 per cento dei bambini. Stessi diritti, insomma, senza distinzioni: sono figli e basta. Il provvedimento, ormai legge, è un testo unificato che ha condensato sei proposte di legge sul tema presentate da centrodestra e centrosinistra. Con le nuove norme” – ha proseguito Caiazza – “viene riconosciuto a tutti i figli, anche quelli naturali, un unico status giuridico ed i bambini nati fuori dal matrimonio potranno avere nonni, zii, fratelli, e più in generale vincoli parentali che prima erano loro negati in assenza di legittimazione. L’Italia si è liberata di un altro fardello” – ha aggiunto – “che, da sempre, ha appesantito e complicato la vita di molte famiglie. Questo significa che il bambino nato fuori del matrimonio può essere riconosciuto dalla madre e dal padre anche se già sposati con altri al momento del concepimento. In più, il testo riconosce ai figli naturali un vincolo di parentela con tutti i familiari e non solo con mamma e papà. In caso di morte dei genitori, il minore verrà affidato ai nonni, agli zii o ai cugini e non dato in adozione come, invece, avviene oggi. Diventa” – ha concluso Luciano Caiazza – “un membro della famiglia a tutti gli effetti. Conseguenze pratiche anche per l’asse ereditario: nessuna differenza. In tutti gli articoli del codice le parole “figli legittimi” e “figli naturali” sono, infatti, sostituite semplicemente da “figli”. Ciò vale anche per i figli gli adottivi. Per loro, però, il vincolo di parentela non c’è nei casi di adozione di persone maggiorenni”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI