Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 05 Agosto 2020

San Felice a Cancello - Successo al Museo delle Arti Antiche, del libro Garibaldi è stato ucciso a Caserta

Ha riscosso un buon successo di pubblico la presentazione, avvenuta ieri sera con inizio alle ore 18.30, nella Frazione Talanico di San Felice a Cancello, presso il Museo delle Arti Antiche, di cui è Presidente Giovanni De Rosa, del libro “Garibaldi è stato ucciso a Caserta e altri racconti” di Rosario De Simone. All’iniziativa culturale erano presenti, nonché relatori: Giovanni De Rosa, Presidente del Museo, Enzo De Rosa, coordinatore dell’Associazione culturale “Liberalibri” di Caserta, Giuseppe Vozza, direttore editoriale e l’autore Rosario De Simone. Presenti, fra gli altri, lo scrittore e Presidente dell’Associazione ambientalista “Terra Nostra” di Caserta, Pasquale Costagliola, ed il giornalista Nunzio De Pinto. Garibaldi è stato ucciso a Caserta: è la notizia che scompagina tutte le nostre conoscenze. Un attacco forte e semplice che ci catapulta anima e corpo nelle ancora tormentate vicende storiche della conquista del Sud, all’insegna, forse, di un riscatto irreale. L’assassinio avviene nella splendida cornice del Palazzo Reale di Caserta, palcoscenico prediletto dall’Autore per imbastire altri racconti gialli ed uno fantastico. I racconti sono ambientati tra il Settecento ed i nostri giorni. Così vediamo sfilare altri personaggi storici reali, come Ferdinando IV di Borbone e Lady Hamilton, Maria Carolina e Gioacchino Murat, ma anche personaggi inventati per parlare di problemi attuali, come l’esasperata cementificazione, l’immigrazione e l’onnipresente camorra; tutti i personaggi e le varie ambientazioni sono costruiti con la massima attenzione. I sei racconti si svolgono con scene che si incastrano le une con le altre in una sequenza serrata, che predilige anche qualche piacevole diversivo, di cui si trova traccia sia nella realtà storica che nell’odierna cronaca. Su queste basi l’attenzione del lettore è facilmente catturata per giungere a scoprire la classica sorpresa finale.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI