Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 23 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:845 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1476 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1000 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1699 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2455 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1966 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1957 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1907 Crotone

Sant'Anastasia - Scoperta dal Corpo Forestale e Guardie Zoofile una pensione per cani completamente abusiva

A seguito di una segnalazione relativa ad un rifugio per cani abusivo in Pomigliano arrivata al comando provinciale del Corpo Forestale dello Stato, il responsabile  del Nucleo investigativo di polizia ambientale e forestale  di Napoli, Dott. M. Russo, ha programmato un intervento coordinato tra il personale del Corpo Forestale dello Stato di Marigliano (NA) e delle Guardie Zoofile E.M.P.A. (Ente Mediterraneo Protezione Animali) giunti in loco gli agenti operanti si accorgevano che tale struttura, costituita da circa 40 gabbie nelle quali erano ricoverati 20 cani, si trovava per pochi metri nel territorio comunale di Sant’Anastasia. La struttura, che si trova nell’immediata periferia nord del Comune di Santa Anastasia, risulta completamente abusiva anche nel punto di vista del regolamento edilizio Comunale e, una volta completato l’accertamento, è emerso che è anche priva dell’autorizzazione dell’Asl necessaria per questo tipo di attività. Il personale operante, coordinato dal Comandante delle stazione di Marigliano (NA) Sovrintendente Capo, Geremia CAVEZZA, e dal Capo Nucleo Provinciale delle Guardie Zoofile, Giuseppe SALZANO, ha riscontrato che 9 cani, ivi ricoverati, erano sprovvisti di microchip. Si sono allora portati sul luogo i dirigenti dell’UOVI di Sant’Anastasia, Dott.ssa Nobile e Dott. Ceriello, che hanno identificato i cani a mezzo di inoculazione di microchip. Il proprietario della struttura, R.P., è stato sanzionato per omissione di iscrizione dei cani all’anagrafe canina. Gli agenti hanno proceduto ad elevare varie sanzione amministrative nei confronti dei titolari e quant’altro necessario al fine di far cessare l’attività abusiva.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI