Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 08 Luglio 2020

Alife - Concerto per la Pace di Agnese Ginocchio, alla festa patronale di Ariano Irpino

Agnese Ginocchio, cantautrice per la Pace campana di origine casertana, attivista e Testimonial per la Pace ed i Diritti, definita la Joan Baez mediterranea, é stata ospite nell' ambito dei festeggiamenti patronali celebratisi nell'ultimo week-end nella città di Ariano Irpino, in provincia di Avellino. In merito al suo notevole impegno sociale e civile, l'artista per la Pace è stata insignita di importanti riconoscimenti, quali: il Premio Unicef, il premio nazionale per la Legalità Paolo Borsellino, la Colomba della Pace, il premio internazionale Cartagine e altri prestigiosi premi. Insieme alla nuova "Guitar white per la Pace" si è potuti assistere ad una vera e propria lezione di Pace e di Beni Comuni in piazza. L'attivista e Testimonial di Pace infatti, ha parlato di Pace, di Ambiente, di illegalità, di lotta all'ingiustizia, di impegno sociale e civile, di solidarietà, di difesa dell' Acqua e della coerenza con il proprio credo. È stata quindi data la possibilità a molte persone di riflettere una volta tanto su argomenti fondanti sui quali poco si parla, ma che dai quali dipende proprio il futuro e la vita di tutti. Argomenti di cui si tratta negli incontri scolastici. Nella piazza che si affollava di gente con il passar del tempo, si è esibita la cantautrice pacifista, c'erano gli sguardi delle persone adulte, tra queste in prima fila alcuni bambini, seduti a terra sopra un tappeto, ai quali la testimonial della Pace vi si rivolgeva spesso. Il pubblico ha ascoltato tra stupore e un certo imbarazzo, senza muovere un ciglio. Beh, l'imbarazzo di ascoltare parole e linguaggi non usuali. La cantautrice attivista non ha mancato di porre domande al pubblico presente, anche provocandolo in un certo senso - ovviamente nel senso positivo della parola - così come solitamente fa nei suoi interventi. "In questo caso - ha riferito Agnese - credo che la Pace sia scesa su questa comunità, ma è solo l'inizio, in quanto bisognerà lavorarci assiduamente per far passare la lezione spiegata durante la serata. E non basta certamente un concerto serale per far comprendere questi argomenti. Bisogna lavorarci. Ecco perché c'è bisogno di un'altra cultura, lavoriamoci. Siate Costruttori di Pace"- ha concluso al termine della serata nel salutare il pubblico! La presenza di Agnese Ginocchio, è stata resa possibile grazie all'impegno del Comitato patronale costituito da molti giovani, sotto la guida del parroco padre Marco Di Brita, missionario anche lui, e al prof. Giovanni Orsogna, diacono, impegnato nella sua scuola sui percorsi educativi. Tutti insieme infatti hanno pensato di celebrare diversamente quest'anno la Festa patronale dando alla comunità l'opportunità di riflettere sulla Cultura e l'Arte impegnata che sa fare la differenza.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI