Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 18 Settembre 2019

Martina Casaccio: un sogn…

Set 13, 2019 Hits:162 Crotone

Ad Hannam il progetto I l…

Set 04, 2019 Hits:374 Crotone

La Madonna di Czestokowa …

Ago 30, 2019 Hits:511 Crotone

Magna Grecia film Festiva…

Ago 23, 2019 Hits:685 Crotone

Prestigioso incarico all’…

Lug 24, 2019 Hits:1547 Crotone

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:1427 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:5187 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1817 Crotone

Ieri mattina, sabato 8 giugno 2013, con inizio alle ore 10.00, presso il II Circolo Didattico “Lombardi Radice” di Via Roma, si è concluso la prima esperienza del percorso formativo dal titolo “PONMANIA” per l’ attuazione del Piano Integrato  annualità 2011, con una manifestazione briosa organizzata con i bambini coinvolti nei diversi corsi/progetti.

Il ventaglio di offerte formative è stato di ben 6 moduli/corsi ( Comunicazione verbale e corporea (Arti marziali-Teatro); Inglese 1 e 2, Matematicamente, Ricicliamo con arte e Informatica azione C-1-FSE-2011-581 per Migliorare i livelli di conoscenze e competenze dei giovani -Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave) e, in mani esperte, ha ravvivato l’ambiente formativo della nostra scuola portando una ventata di freschezza, di novità e di motivazioni che hanno reso decisamente più efficace gli esiti apprenditivi degli alunni interessati. Gli alunni hanno potuto recuperare e/o potenziare le competenze disciplinari attraverso didattiche laboratoriali innovative ed accattivanti; hanno espresso le loro potenzialità, consolidando altresì l’autostima, i rapporti interpersonali e comportamentali, nell’ottica di una sana e consapevole convivenza civile. Esperti e Tutor hanno accolto le famiglie per illustrare l'iter formativo e gli esiti a cui gli alunni sono pervenuti. Gli interventi caratterizzati dall'utilizzo da parte degli Esperti di metodologie e strategie innovative (cooperative learning, uso della LIM, ricerca azione, metodo sperimentale, learning by doing, apprendimento costruttivistico) hanno suscitato interesse, impegno, motivazione e desiderio di crescita, attraverso una partecipazione costante alle attività pomeridiane che si concluderanno con la manifestazione finale. Oltre ad essere un momento di festa e spensieratezza per tante famiglie, questo evento rappresenta il risultato di un lavoro di equipe che, integrando risorse e competenze, dimostra come la scuola pubblica italiana, anche in questa fase , possiede un patrimonio umano motivato, professionale e responsabile. Un ringraziamento "speciale" alla Dirigente scolastico dott.ssa Emilia Nocerino che ha sempre creduto nella opportunità formativa del PON e alla DSGA Dott.ssa Antonella Grasso, a tutto lo staff impegnato nel progetto ed al personale ATA per il costante supporto organizzativo.

Eternit abbandonata1 (1)

 

Nella giornata di lunedeì, il Nucleo delle guardie giurate zoofile - venatorie ed ambientali del WWF Italia, in collaborazione con l’ E.M.P.A. (Ente Mediterraneo Protezione Animali), hanno effettuato un controllo mirato a contrastare i reati di maltrattamento animale, bracconaggio, e attività anti-ambientali sul territorio. L’operazione ha riguardato nella fattispecie Via Sant’Arcangelo, dove veniva scoperto in aperta campagna, in presenza di coltivazioni agricole attualmente ancora in atto, un deposito illegale di rifiuti speciali e pericolosi composto da un cumulo di pannelli ondulati e canne fumarie presumibilmente in cemento-amianto, comunemente denominato “eternit”, nonché numerosi pneumatici fuori uso ed altro materiale proveniente da attività edile. La natura e la qualità del materiale individuato hanno fatto supporre alle Guardie la provenienza da una singola impresa edile. Le suddette Guardie hanno denunziato i fatti alla Procura della Repubblica ed alle altre Istituzioni competenti. “Abbandonare questo tipologia di rifiuti” –hanno affermato il Capo Nucleo Provinciale delle Guardie zoofile EMPA Giuseppe Salzano, ed il coordinatore delle guardie giurate del WWF per la Provincia di Napoli Bruno Cajano – “configura il “Reato ambientale”, previsto dal D.Lgs. 152/2006, oltre al danno per l’ecosistema ed il pericolo per la salute umana. È stato, infatti, scientificamente provato che non esiste una soglia minima d’inalazione di fibre d’amianto per contrarre i tumori, quindi ogni minima quantità può essere cancerogena. La bonifica dell’area contaminata” – hanno aggiunto i due volontari – “spetterà al Comune di appartenenza del sito in questione, quindi al Comune di Caivano. Il fenomeno dello smaltimento abusivo di rifiuti tossici, accompagnato dai relativi roghi, sta assumendo sempre di più proporzioni di notevole rilevanza e rappresenta il primo fattore di rischio per la salute della popolazione campana poiché” – hanno tenuto a sottolineare Salzano e Cajano – “genera di conseguenza la dispersione ed il deposito di polveri di amianto e di diossina sulle colture e l’inquinamento, altresì, delle falde acquifere”. Il Wwf e l’EMPA annunciano alla cittadinanza ulteriori azioni di contrasto al fenomeno in collaborazione con gli altri Corpi di Polizia presenti sul territorio.

«Per prima cosa serve un governo subito, un governo che non tocchi l'Iva e abbassi una pressione fiscale insopportabile: solo così si creeranno le condizioni per far ripartire i consumi». A dichiararlo è Luca Pozzoli, presidente di Univendita, al termine dell'assemblea annuale che ha visto oggi, a Caserta, l'approvazione del documento dell'esercizio 2012. Univendita è, per fatturato, la maggiore associazione italiana della vendita diretta a domicilio e ha chiuso il 2012 con un incremento del 5% nel giro di affari.
«Il fatto che le aziende associate Univendita abbiano chiuso con il segno più l'ultimo anno non ci esime da una riflessione molto semplice -prosegue Pozzoli-: senza adeguate politiche a sostegno del potere d'acquisto anche chi, fino a oggi, è stato anticiclico rischia di invertire il segno del proprio business e piombare nella crisi che attanaglia da tempo il settore del commercio più tradizionale. Per questo serve un governo in tempi brevi: bisogna mettere in campo subito politiche per ricaricare le pile al Paese e contrastare una crisi che da economica è diventata anche sociale».
Una denuncia, quella del presidente di Univendita, che arriva a pochi giorni dalla diffusione dell'indagine Istat che registra un calo del reddito disponibile per le famiglie del 2,1% nel 2012 e un'erosione del potere d'acquisto reale del 4,8%, decremento che non si registrava da quasi vent'anni. «Ci preoccupa anche il peggioramento progressivo della situazione, visto che nell'ultimo trimestre del 2012 la riduzione del potere d'acquisto è stata di quasi un punto percentuale rispetto al periodo precedente -conclude Pozzoli- e del 5,4% rispetto allo stesso periodo del 2011. È la prova che bisogna mettere in atto misure strutturali per invertire la tendenza: la crisi non scompare da sola e la politica, in questo momento, non può più permettersi di perdere tempo».

Il fatturato 2012 delle aziende associate Univendita è stato di 1 miliardo e 175 milioni di euro, come detto in crescita del 5,1% rispetto al 2011; in aumento anche il numero di addetti, che ha superato le 67mila unità, in crescita del 12,2% sul 2011 e dove si conferma preponderante la componente femminile, pari all'89%.

Univendita (www.univendita.it)
Qualità, innovazione, sviluppo sostenibile, credibilità, alti standard etici. Sono queste le parole d'ordine di Univendita, la maggiore associazione di categoria che riunisce le aziende di eccellenza della vendita diretta a domicilio. All'associazione aderiscono undici aziende: AMC Italia, bofrost* Distribuzione Italia, CartOrange, Dalmesse Italia, Jafra Cosmetics, Just Italia, Lux Italia, Ringana Italia, Tupperware Italia, Vorwerk Contempora, Vorwerk Folletto, che danno vita a una realtà che mira a «riunire l'eccellenza delle imprese di vendita diretta a domicilio» con l'obiettivo «di rafforzare la credibilità e la reputazione del settore tra i consumatori e verso le istituzioni».

Foto 01

 

Il Comando di Polizia Locale guidato dal Com.te Giuseppe Castiello ha organizzato un importante corso sull'Educazione Stradale rivolto agli alunni delle classi quinta elementare e terza media dell'Istituto Comprensivo "R. Viviani". Il corso, articolato in due giorni, si è basato su una lezione di teoria e un'altra di pratica tenutesi rispettivamente nei giorni di venerdì e sabato della scorsa settimana dall'Isp. Cavallo Michele, Ag. Sc. Barbuto Ferraiuolo Valeria ed Ag. Sc. Gionti Simona. Lo scopo del corso è stato quello di dare un primo approccio con i segnali stradali più comuni e di far conoscere le regole comportamentali di base da adottare in strada agli studenti che, vista la fascia d'età di appartenenza (under 14), possono mettersi alla guida di un veicolo a due ruote come la bicicletta ed avvicinarsi poi responsabilmente al ciclomotore. Non è mancata la presenza dell'Amministrazione Comunale  con il Delegato alla Viabilità Giovanni Vagliviello, il quale si è congratulato con il Comandante per l'encomiabile ed ottima riuscita dell'iniziativa, aggiungendo che la stessa costituirà un impegno annuale volto alla sensibilizzazione delle regole del Codice della Strada.

Fra i presupposti, condizione “sine qua non”, per il buon funzionamento di un’associazione fra diversi comuni, è il pagamento, preciso e puntuale, di tutti gli oneri connessi a tale funzionamento e che si configura con il pagamento delle quote associative, ma a volte interagiscono anche altri presupposti che ne determinano il fallimento. Questo è quanto è accaduto anche con l’Unione dei Comuni “Appia”, associazione fra i comuni di Casagiove, San Prisco, Curti, Casapulla e Recale, che si unirono con atto notarile rogato dal notaio Matano il 17 gennaio 2006, al fine di gestire congiuntamente in forma associata alcuni servizi e funzioni. Il Comune di San Prisco, con delibera consiliare nr. 30 del 29 giugno 2012, ha disposto di recedere dall’Unione Appia e di non procedere alla nomina dei rappresentanti in seno all’Assemblea dell’Unione. Tale recesso, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 4 comma 4 del vigente Statuto dell’Unione dei Comuni Appia, ha effetto unicamente a decorrere dall’esercizio finanziario dell’anno successivo. Successivamente, con deliberazione dell’Assemblea dell’Unione dei Comuni Appia nr. 9 del 18 dicembre 2012, è stata espressa la volontà di sciogliere definitivamente tale associazione e, pertanto, sono stati invitati i rispettivi Consigli comunali di Casagiove, Casapulla, Curti e Recale, a deliberare lo scioglimento definitivo. Mentre alcuni Comuni hanno deliberato lo scioglimento, ve ne sono alcuni, invece, che hanno ancora in corso la procedura in atto. Al fine di provvedere alla liquidazione di fatture e compensi per prestazioni effettuate, sono stati fatti degli approfonditi controlli contabili da cui sono risultati inevasi i pagamenti delle quote consortili. Con note predisposte dal Segretario Generale, i Comuni facenti parte dell’Unione sono stati invitati e successivamente sollecitati a provvedere con urgenza al versamento delle quote consortili, ed, in particolare, il Comune di San Prisco è stato già diffidato al pagamento delle quote in quanto, decorrendo il recesso dall’esercizio finanziario successivo a quello dello scioglimento, le quote maturate nel corso degli esercizi finanziari precedenti alla deliberazione di recesso cono comunque dovute e vanno onorate. Con deliberazione della Giunta dell’Unione dei Comuni Appia nr. 1 del 12 marzo 2013, si è ritenuto necessario demandare al Segretario Generale il compito di nominare un avvocato per il recupero delle quote associative nei confronti del Comune di San Prisco e di eventuali altri comuni che risultassero inadempienti.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI