Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 22 Settembre 2019

Domenica scorsa, 24 marzo 2013, complice un’assolata giornata primaverile, ai cancelli della piccola reggia borbonica di Carditello, si sono accalcati oltre un centinaio di persone che chiedevano di visitarla. Tante famigliole ma anche giovani coppie e studenti universitari che avrebbero voluto trascorrere qualche ora a contatto con uno dei migliori esempi dell’arte barocca duosiciliana, in Terra di Lavoro. La ragione per cui molte persone si sono approssimate alla Real Tenuta, è da ricercarsi nella ‘XXI^ Giornata FAI di Primavera’. Sabato 23 e domenica 24 infatti, in occasione della manifestazione del Fondo ambientale, sono stati aperti al pubblico, a contributo libero, quei siti solitamente chiusi perché destinati ad altre attività. Quest’anno, per quanto riguarda la provincia di Caserta, la parte del leone è stata recitata dalle bellezze della cittadina collinare di Teano. La notizia delle aperture straordinarie ha avuto una larga eco considerato il ricordo, ancora vivo, della passata VI^ edizione del censimento nazionale ‘I Luoghi del Cuore’, la cui graduatoria finale, attribuiva alla fattoria settecentesca la prima posizione della classifica online con 4875 preferenze e, con 32438 voti, la quinta in quella generale. Tommaso Cestrone, l’ausiliario della custodia giudiziale che quotidianamente si trova a dialogare con i ‘potenziali visitatori’, pensa che la cosa potrebbe essere risolta con un atto di volontà collettiva delle parti in causa. Dello stesso avviso Fiore Marro, presidente dei ‘Comitati delle Due Sicilie’ che lancia l’ipotesi: “C’è bisogno di battere cassa e tutti saremmo lieti di partecipare pagando un biglietto a costo ridotto, viste le limitazioni all’accesso” – sostiene il duosiciliano Marro – “Non si comprende cosa impedisca un protocollo tra la Soprintendenza casertana, il Tribunale, il Consorzio, la protezione civile de comune di San Tammaro e un coordinamento di associazioni, che si occuperebbero dell’accoglienza e della vigilanza nel corso delle aperture, in termini gratuiti. I biglietti, emessi e staccati da un dipendente dalla stessa soprintendenza” – conclude Fiore Marro – “permetterebbero di recuperare denari importanti per la manutenzione e per la realizzazione di progetti futuri e, cosa più importante, non lascerebbe la gente fuori da casa propria. Non sembra una cosa difficile; dobbiamo forse pensare che le volontà vadano in altre direzioni? Ma la vogliamo salvare o no la Reggia di Carditello?”. L’idea di Marro, semplice e persino efficace, è lanciata; spetta alle istituzioni deputate renderla operativa.

Con una commovente cerimonia, la palestra della Caserma Amico, sede del 21° Genio Guastatori, è stata intitolata alla memoria del Serg. Magg. Michele Silvestri e del Caporal Maggiore Capo Scelto Pierdavide De Cillis, entrambi caduti in Afghanistan nell’adempimento del proprio dovere. Alla presenza del Comandante della Brigata Bersaglieri “Garibaldi”, Generale di Brigata Luigi Chiapperini, del Comandante di Reggimento, Colonnello Alberto Guaccio e dei familiari dei due caduti, dopo la celebrazione della Santa Messa, officiata da Don Roberto Tortora, cappellano della Brigata Bersaglieri “Garibaldi”, è stata benedetta la stele commemorativa posta all’ingresso della struttura sportiva. Presente anche il Maresciallo Ordinario Carmine Pedata, rimasto gravemente ferito nello stesso attentato che costò la vita al Serg. Magg. Silvestri. L’iniziativa, oltre a sancire il doveroso riconoscimento per chi come il Serg. Magg. Silvestri e il C.le Magg. Ca. Sc. De Cillis ha dato la propria vita per portare sicurezza e pace nel mondo, testimonia il forte e solidale legame tra l’Esercito Italiano e le famiglie dei Caduti. Durante la Santa Messa è stato anche celebrato il Precetto Pasquale.

E’ stato pubblicato all’Albo Pretorio l’elenco dei nuclei familiari che hanno fatto domanda per I'assegnazione del beneficio del “Sostegno Alimentare” che prevede la corresponsione di circa 100 pacchi alimentari in quantità equa in rapporto al numero e tipologia del nucleo familiare. Cinquanta sono le domande pervenute da nuclei familiari che hanno dichiarato un reddito pari “a zero”, mentre 13 sono le domande pervenute da nuclei familiari che hanno dichiarato un reddito pari a 2.000 euro come da bando di concorso scaduto lo scorso 11 dicembre 2013. Dieci sono le domande escluse per ISEE errato, sei quelle escluse per reddito ISEE non coerente con lo stato di famiglia, otto sono state escluse per aver dichiarato un reddito superiore a 2.000 euro, mentre otto sono state escluse perché le domande sono giunte fuori tempo. Sono dunque circa cento i nuclei familiari con gravi problemi economici, il che la dice lunga sulla grave crisi che sta attraversando il Paese e sul fatto che il numero dei poveri è in continua crescita. A tale scopo, l’Ente Comune ha promosso un accordo, contribuendo con un sostegno economico dell’ammontare di 5.000 euro annui (2.500 euro per ciascuna delle due associazioni), con il Banco delle Opere di Carità e l’Associazione Centro di Solidarietà Giovanni Paolo II di Caserta. Il progetto: ”Programma lotta alla povertà” è teso a sostenere, con un aiuto in derrate alimentari, i nuclei familiari con una forte criticità dal punto di vista reddituale. Il sostegno alle famiglie sammarchesi bisognose sarà attuato, dalle due associazioni, mediante consegna di derrate alimentari messe a disposizione dalle normali fonti di approvvigionamento quali l’industria, la distribuzione commerciale con prodotti in esubero o sovrapproduzione e destinati, altrimenti, alla distruzione. Per quanto riguarda la concessione di “Sostegni alimentari” mensili in favore di nuclei familiari o singoli cittadini residenti nel territorio comunale che ne faranno espressa richiesta, il comune, ha indetto lo scorso dicembre il bando pubblico per I'assegnazione del beneficio del “Sostegno Alimentare” che prevede la corresponsione di circa 100 pacchi alimentari in quantità equa in rapporto al numero e tipologia del nucleo familiare. Il beneficio consisterà nella consegna di un pacco al mese per ogni nucleo familiare per un periodo di tempo di numero massimo 6 mesi e il "sostegno Alimentare" conterrà “alimenti standard”, adeguati alle caratteristiche della composizione del nucleo familiare (il beneficiario non avrà facoltà di sceglierne il contenuto).

Con la determina dirigenziale nr. 86 del 7 marzo 2013, a firma dell’ing. Gianpaolo Parente dell’Area Lavori Pubblici e Servizi dell’Ufficio Tecnico Comunale, l’Amministrazione comunale, a guida del Sindaco Elpidio Russo, ha deciso di impegnare la somma di 20.000 euro per il cosiddetto Piano di Continuità Operativa e Disaster Recovery. Un’operazione indispensabile visto che l’art. 50-bis del Codice dell’Amministrazione Digitale – CAD obbliga i Comuni a garantire la costante operatività dei propri sistemi informativi a salvaguardia della regolare fruibilità dei dati e dei servizi per i cittadini e le imprese. Inoltre, soltanto da alcune settimane, con disposizione del Segretario Generale è stato dato incarico al dipendente sig. Domenico Notaro, in possesso delle adeguate capacità e professionalità informatiche, di collaborare tecnicamente con il dirigente dell’Area Tecnica – Lavori Pubblici alle attività di Gestione del Sistema Informatico e di riorganizzazione e/o implementazione del sito istituzionale del Comune. La normativa e gli standard di riferimento per il piano di continuità operativa sono state ampiamente redatti dall’Agenzia per l’Italia Digitale (ex DigitPA) con il libro dal titolo “Linee guida per il disaster recovery delle P.A.” e, in virtù di ciò, la Giunta Comunale, con la delibera nr. 23 del 25 febbraio 2013, ha approvato lo studio di fattibilità tecnica – SFT, predisposto dal sig. Domenico Notaro, che verrà sottoposto all’esame dell’Agenzia per l’Italia Digitale che lo valuterà e, solo dopo la sua approvazione, diverrà premessa di un esecutivo di Disaster Recovery nel più ampio contesto di un successivo Piano di Continuità Operativa. Per questi motivi, la G.C., con lo stesso atto nr. 23/2013, ha prenotato un impegno di spesa presunta di 20.000 euro per l’attuazione, appunto, dello studio di fattibilità Tecnica e per i successivi piani di continuità operativa e di disaster recovery.

Nella riunione del coordinamento cittadino di Grande Sud il coordinatore Pierluigi Schiavone, ha preso atto che il portavoce Alan Giovanni Improta ed i componenti del direttivo tra cui il candidato alla elezioni del Parlamento Diego D’Ambrosio, hanno ribadito la volontà di continuare il progetto politico iniziato due anni fa. Un percorso che ha permesso una crescita del territorio, dotato d'infrastrutture e servizi a favore della collettività. “Siamo certi” – ha spiegato il coordinatore arancione – “che grazie anche all’ottimo lavoro svolto dal nostro coordinatore Provinciale Paride Amoroso, il nostro impegno potrà portare un valore aggiunto all’intero partito sia a livello provinciale che regionale, assieme al neo commissario regionale Domenico Ventriglia, cui vanno gli auguri di tutto il coordinamento sannicolese. Personalmente” – ha concluso Schiavone – “ho ringraziato l’intero coordinamento e tutti i simpatizzanti per l’impegno meritevolissimo profuso in questa tornata elettorale e per la dimostrazione di partecipare alla vita politica solo per l’interesse dei cittadini e del territorio, con la promessa di continuare il mio e il vostro impegno sia come dirigente provinciale che come responsabile regionale dei giovani”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI