Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 16 Aprile 2021

Nicolò interviene all'assemblea di Confcooperative

FOF_5089

 

“Nessun progetto di sviluppo può essere immaginato e disegnato senza tenere conto di un modello di cooperazione che lo supporti efficacemente e ne segua nel tempo l’evoluzione e le sorti. Oggi, più che mai, l’associazionismo cooperativo diventa risposta autentica all’individualismo imperante, soprattutto al sud, e valore aggiunto per un disegno di crescita complessiva”.

Così, il vicepresidente del Consiglio regionale, Alessandro Nicolò è intervenuto, questa mattina, all’assemblea della Confcooperative-Unione provinciale di Reggio Calabria tenutasi nella sala “Giuditta Levato” di Palazzo Campanella.

“Il ruolo e la funzione sociale dell’associazionismo e della cooperazione sono strettamente legati alla logica di un sistema a rete quale asse portante per un salto di qualità, ma anche di quantità, delle imprese. Al primo punto di questo tipo di esperienza, il mutuo soccorso e l’occupazione diffusa, principi che mi appartengono e che segnano la mia formazione di uomo e di politico, nonché il mio impegno di rappresentante delle Istituzioni e del popolo, nella consapevolezza che solo unendo energie e facendo gioco di squadra, la ‘nostra’ Calabria può incamminarsi verso un futuro migliore. Per la nostra terra- ha rilanciato Nicolò- promuovere e sviluppare la cultura della cooperazione può rappresentare un’arma vincente, intesa quale opportunità e risorsa di crescita. Le condizioni di mercato e le leggi della concorrenza trovano la Calabria impreparata a affrontare le sfide dell’economia, con il suo tessuto fatto di iniziative imprenditoriali di piccole dimensioni, sia in agricoltura che nel settore manifatturiero. A fronte di tali condizioni, caratterizzate anche dalla insufficiente capacità di autofinanziamento, il ‘modello cooperativo’ è strumentale alla crescita economica ed irrobustisce le capacità di penetrazione delle imprese sui mercati nazionali ed internazionali. Non vi è dubbio che tutto ciò implica il cambiamento di un modello culturale eccessivamente individualista che finora ha penalizzato la nostra economia e tante realtà produttive che godevano di condizioni di monopolio come le produzioni del bergamotto e del gelsomino, solo per fare qualche esempio. Prende, dunque, corpo quello sviluppo organico dove trovano posto la positività e l’importanza dell’azione delle organizzazioni delle associazioni cooperative e il senso di responsabilità collettivo che questa assise ha il compito di rilanciare per un impegno serio e concreto, unica strada per garantire continuità d’impresa e prospettiva migliore per le nuove generazioni”.

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI