Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 24 Ottobre 2018

Guardia di Finanza e Carabinieri sequestrano beni per 18 mln al clan Pesce di Rosarno (RC)

Non si arresta l’azione di contrasto ai patrimoni illecitamente accumulati disposta dalla Direzione Distrettuale Antimafia e dal Tribunale, Ufficio GIP/GUP e Sezione Misure di Prevenzione di Reggio Calabria.

All’alba di oggi, i finanzieri del G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e il Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria, hanno sottoposto a sequestro beni ed altre utilità per un valore di stima patri a ben € 18 Mln, nei confronti della nota e potente cosca PESCE di Rosarno.

Il numero dei beni sequestrati è - ancora una volta - di rilievo; si tratta, infatti, di ben 8 imprese, con tutto il loro patrimonio aziendale, operanti - principalmente - nel settore dei trasporti, in quello agrumicolo e nel commercio; alle attività commerciali, vanno poi aggiunti i beni mobili, immobili e le disponibilità finanziarie.

L’attività mira ad annientare la potenza economica della pericolosa consorteria ‘ndranghetistica dei PESCE di Rosarno (RC) e le investigazioni patrimoniale si sono potute giovare delle importanti indicazioni fornite dalla collaboratrice di giustizia PESCE Giuseppina.

Alle ore 09,30, presso la sede del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, il Procuratore aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, dott. Michele PRESTIPINO GIARRITTA, rilascerà delle dichiarazioni.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI