Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 22 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:437 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1199 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:1934 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1469 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1445 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1414 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1686 Crotone

Talarico: “la Calabria è la regione con il più alto numero di giovani amministratori locali”

“ Il rapporto dell’ANCI giovani, appena reso noto, che fa emergere il primato della Calabria come regione con il più alto numero di amministratori locali under 35 in tutto il Meridione, e tra le prime in tutta Italia, è una realtà che merita di essere conosciuta e valutata in tutti i suoi aspetti positivi e nel suo significato di prospettiva per un cambiamento vero e definitivo del territorio regionale. Questo trend è cominciato con l’elezione alla presidenza della Giunta e del Consiglio del presidente Scopelliti e del sottoscritto ed è significativo che abbia prodotto tendenza, sollecitando i giovani a scendere in campo, per impegnarsi nelle istituzioni locali e in politica. Certo, il solo dato anagrafico non è un valore assoluto in sé, ma questa scelta di grande valore democratico, che allarga ai giovani il campo della partecipazione, non può che essere vista come un fenomeno positivo e culturalmente portatore di innovazione e di energie finora trascurate o ignorate. La “ carica “ dei giovani amministratori locali, significa portare, dentro il governo del territorio, un bagaglio culturale che si è formato a contatto più diretto con le nuove tecnologie. La Calabria, ha bisogno di accettare le nuove sfide che la situazione nazionale e internazionale pone ai territori. I giovani, rappresentano, già di per sé, una novità e sono capaci di impegni concreti con grande disponibilità a fare e a rischiare. Questo primato, nella classifica nazionale degli amministratori giovani, è una conferma del desiderio di partecipazione. Non si tratta di fredde statistiche o di fatti simbolici, ma di una percezione che il mutamento che si sta verificando, porta, nel tessuto sociale e politico regionale, una cultura e una consapevolezza diversa.  C’è sempre una fase in ogni cambiamento radicale e la rivoluzione anagrafica, nell’impegno in politica e nell’amministrare le istituzioni, può essere il punto di partenza, il segnale di una voglia di invertire la tendenza e di riscoprire il valore vero di una politica che ha bisogno di colmare il fossato che si è scavato tra la sfera privata e quella pubblica, tra la società reale e quella irreale”.

 

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI