Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 12 Dicembre 2019

Concluso il XXIII congresso europeo sugli squali

Algeria, Australia, Austria, Belgio, Canada, Capo Verde, Colombia, Cuba, Danimarca, Ecuador, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Israele, Italia, Libia, Malta, Messico, Norvegia, Nuova Zelanda, Olanda, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Stati Uniti, Sudafrica, Svizzera, Turchia, Uruguay sono i paesi da cui sono giunti i 220 congressisti per partecipare al XXIII Meeting Europeo sugli Squali tenutosi all’Università della Calabria, dal 16 al 18 ottobre 2019, organizzato dal Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienza della Terra dell'Università della Calabria e dal  Gruppo Italiano Ricercatori Squali ed il Centro Studi Squali. 

Tre giornate che hanno visto, tra gli altri, i maggiori studiosi ed esperti nel campo degli studi su squali e razze, provenienti da tutto il mondo tra cui Barbara Block, Holly Shiels, Ted Taylor, Diana Pazmino, Sarah Fowler .

71 presentazioni orali, 59 poster, 2 workshop per comunicare importanti risultati scientifici e promuovere la conoscenza e accrescere la cognizione della conservazione degli elasmobranchi. 

L’ European Elasmobranch Association (EEA) nasce 23 anni fa in Scozia per il volere 

dei rappresentanti di alcune nazioni europee tra cui inghilterra francia olanda germania spagna italia e portogallo, per favorire la ricerca e la protezione degli squali. Ogni anno studiosi e ricercatori si incontrano per fare il punto soprattutto sulla ricerca. Quest’anno è toccato all’Italia organizzare il meeting su questi particolari pesci cartilaginei importanti per gli ecosistemi marini perché sono ai vertici degli equilibri ecologici. Di conseguenza la loro scomparsa può determinare delle profonde alterazioni negli ambienti marini .

 

Il tema del meeting è stato "Comunicare gli elasmobranchi!" ed è per questo motivo che l'intera conferenza è stata trasmessa in streaming mentre i contributi scientifici dell'incontro saranno pubblicati in un numero speciale del "European Zoological Journal". 

Durante le tre giornate, grazie alla collaborazione con GreenGate, il caffè e le pause pranzo degli incontri, sono state fatte tutte senza l'ausilio della plastica.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI