Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 29 Novembre 2020

Doppia vittoria per il “Piria” a Ginevra

foto_Premiazione_Svizzera

 

Momenti di grandi emozioni per il gruppo di studenti dell’ Istituto Tecnico per il settore Economico “Raffaele Piria” di Reggio Calabria, ospiti  in Svizzera nell’ambito del Progetto – Concorso “Italia -Svizzera: la storia dal 1861 al 2011”.

Gli studenti del “Piria”, autori del video “Ce ne andiamo via ….”, hanno ottenuto a Ginevra una doppia vittoria, ricevendo il Premio Speciale per la tematica “Migrazioni”ed il Primo Premio della giuria con il punteggio più alto in assoluto “per aderenza alla tematica prescelta, originalità del filmato e interpretazione degli attori. Premio di particolare prestigio, quest’ultimo, perché proveniente da una giuria di fama internazionale che vanta tra i suoi componenti autorità del FilmFestival di Locarno.

Il progetto è stato promosso dal Miur e dall'Ambasciata di Svizzera in Italia, in omaggio al 150° anniversario dell’Unità nazionale, con l’intento di diffondere tra i giovani una maggiore conoscenza delle relazioni storiche e culturali che hanno legato il popolo italiano alla Svizzera nel secondo ‘900. Obiettivo finale la produzione di un video, riguardante tematiche afferenti ai principali aspetti della storia comune tra i due Paesi. Al concorso hanno partecipato oltre 70 istituti scolastici superiori di tutta Italia.

Presentata a Reggio Calabria lo scorso dicembre in una conferenza stampa dal console onorario di Svizzera, avv. Renato Vitetta, insieme all’assessore alla Pubblica Istruzione Sebastiano Vecchio, l’iniziativa ha subito incontrato l’approvazione e il sostegno del dirigente scolastico del “Piria” prof. Francesco Barillà, che ha promosso la partecipazione dei suoi studenti.

L’idea vincente, sviluppata dagli allievi del “Piria”, muove dal concetto che riconosce ai flussi migratori, da sempre caratterizzanti la storia dell’umanità, il merito stesso di aver garantito la sopravvivenza della specie umana.

Migrazione uguale allontanamento, volontario in alcuni casi, ma il più delle volte imposto e pertanto doloroso e difficile da accettare. Le immagini incalzano sullo schermo in una sequenza a volte drammatica, dalle foto dei  piccoli spazzacamini svizzeri con gli occhi pieni di fuliggine, ai treni in partenza dal Sud  col loro carico di fame e di speranze stipate nelle valigie di cartone.

Intensa e commovente l’interpretazione dei giovani studenti. I loro volti puliti e freschi incorniciati da vestiti d’epoca, si muovono in un ambiente ricostruito con estrema cura del dettaglio, per far rivivere una scena fin troppo nota agli italiani di metà ‘900. E’ il momento estremo, doloroso ma ineluttabile, del distacco, dalle proprie radici e dai propri cari, alla ricerca di una speranza nelle terre d’oltralpe.

Il senso di smarrimento, lo sforzo di integrazione, le sofferenze e il duro lavoro si ripropongono anche attraverso le parole di un anziano signore, testimone vivente di un’esperienza troppo spesso dimenticata.

Ma la storia volta pagina ed ecco l’Italia, un tempo Paese di migranti, divenuta oggi terra promessa per altri popoli in cammino, tutti accomunati dallo stesso carico di fame e di speranze. Cambia la scena, cambiano i volti, ma negli occhi  è la stessa sofferenza, lo stesso grido d’aiuto, la stessa ricerca di un posto nel mondo.

Emblematica l’immagine delle formiche, che apre e chiude il video, punti neri che a centinaia provenienti d’ogni dove si dirigono freneticamente  verso un unico luogo, per poi disperdersi in un movimento centrifugo e trasformarsi in popoli in cammino, uomini e donne di ieri, di oggi, di sempre.

Autori del video gli studenti Cristina Arena, Fabio Chilà, Angela Falcone, Rosa Fedele, Sarah Marino, Ramon Nardo, Daniela Pizzimenti, Paolo Suraci, guidati dalla prof.ssa Licia Amodeo, con il supporto delle docenti Rachele Leone e Anna Maria Pellicanò. Preziosa la collaborazione alla fotografia e al montaggio di Guido e Mirella Spanti. Splendida la voce di Cristiano Capanna, ex allievo dell’istituto, sapientemente amalgamata a quelle dei suoi compagni attori.

Per il gruppo dei vincitori, coinvolti in un gemellaggio con gli studenti del liceo di Muttenz a Basilea, un viaggio premio di 5 giorni attraverso le più belle mete del turismo in Svizzera: Ginevra, Berna,  Broc, Nyon e Gruyère. Un’esperienza indimenticabile per l’accoglienza calorosa, la massima disponibilità e la cortesia degli Enti organizzatori.

La doppia premiazione rappresenta l’ennesimo riconoscimento di valore per l’Istituto scolastico diretto dal prof. F. Barillà, che ha dimostrato di rispondere alla sfide educative offrendo un bell’esempio di sinergia e dedizione, da parte di allievi e docenti. Aperto a cogliere le occasioni che giungono a livello nazionale e internazionale, il progetto formativo del “Piria” si è rivelato ancora una volta vincente, attento a valorizzare le potenzialità dei giovani studenti, incentivandoli ad affrontare con spirito critico le sfide di una società sempre più competitiva.

 

E’ possibile visionare il Video vincitore sul canale iteRaffaelePiria di You Tube: http://www.youtube.com/watch?v=RKHeeulWbdk

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI