Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 03 Dicembre 2022

La grande storia di Achille, Ettore ed Ulisse in versi rap

Gli interpreti salutano il pubblicano

 

Un intreccio perfetto: la quiete, quasi mitologica, che Bova emana dai suoi vicoli in pietra, “scossa” dal racconto sperimentale dell’Iliade tra celebri colonne sonore e versi rap. Il tutto severamente circoscritto da una vertiginosa platea verticale, gremita da tanti bovesi, turisti di ritorno e reggini giunti appositamente per gustare l’opera in scena.

Luca Fiorino, il narratore, e Mad Simon, il cantante, hanno sostenuto un bravissimo Enzo dé Liguoro che in mimesi e trasporto eccezionale ha saputo rendere tangibile, in una pagina di introspezione sociale carica di significati, il dramma di Achille, nel suo amore per Patroclo.

Teresa Timpano ha regalato la sua splendida voce ad Elena, oggetto della discordia tra Troiani ed Achei. Un esperimento, questo dell’Iliade, riuscitissimo che ricalca a pieno il sintagma teatrale del Festival Miti Contemporanei.

Lo spazio scenico è stato impreziosito dalle armature e dagli elmi creati appositamente dalla scultrice Stefania Pennacchio, « costretta a vivere a Milano – commenta Teresa Timpano, direttore artistico di Scena Nuda – ma che produce le sue opere solo in Calabria; d’altronde la casa dell’arte può essere solo qui ». Proprio Stefania Pennacchio aprirà la terza tappa di Miti Contemporanei, stasera a Locri Epizefiri dalle ore 21.45, con le sue Iniziazioni, racconto estetico sulle transizioni sociali e fisiologiche femminee. Un introduzione nel mondo dell’Antigone che sarà al centro dello spettacolo all’interno del Teatro Greco Romano.

A seguire il monologo sulla figura dell’indovino Tiresia del decano del teatro Antonio Salines, che calca le scene da cinquant’anni. Poi spazio all’anteprima nazionale di Anidride Carbonica, riscrittura scenica in chiave contemporanea e introspettiva del mito dell’Antigone ad opera del drammaturgo Mauro Santopietro, con regia di Filippo Gessi, in scena Teresa Timpano. La serata si concluderà con L’incontro tra Salines e Timpano, una performance di esplorazione sul mito sofocleo.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI